Meego di Intel anche su portatili e desktop

di |
logomacitynet696wide

Intel ha annunciato che è in corso di sviluppo una versione del sistema operativo Meego anche per i computer dekstop e notebook di fascia alta. Nato dalla fusione di Intel Moblin con Nokia Maemo, l’OS MeeGo basato su Linux era stato annunciato a febbraio principalmente per smartphone, dispositivi compatti e netbook.

Anche il sistema operativo MeeGo potrà funzionare sui computer desktop e notebook PC di fascia medio-alta. Lo ha annunciato Intel comunicando che una versione apposita di MeeGo è in corso di sviluppo senza precisare però una precisa data di rilascio. Ricordiamo che MeeGo è stato presentato per la prima volta al mondo a febbraio in occasione del World Mobile Congress di Barcellona. Nato dalla fusione di Intel Moblin e Nokia Maemo, il nuovo sistema operativo MeeGo è basato su Linux: originariamente è stato presentato come un sistema operativo in grado di unificare l’esperienza di utilizzo e la comunicazione tra smartphone, dispositivi compatti e netbook.

Le prime versioni di MeeGo rilasciate nel mese di marzo erano destinate allo smartphone Nokia N900 e ai netbook che funzionano con processori Intel Atom. Intel ha in programma il rilascio di un’altra versione di MeeGo per smartphone nel mese di ottobre, mentre i primi netbook con MeeGo arriveranno a partire dalla seconda metà di quest’anno. Le varie versioni di MeeGo offriranno funzioni diverse a seconda dei dispositivi su cui andrà a funzionare, tenendo presente la dimensioni dello schermo e anche il processore integrato. Nel mondo mobile infatti i processori più utilizzati sono per la maggior parte basati sull’architettura concorrente ARM, la stessa impiegata in iPhone, iPod Touch e anche iPad.

Doug Fisher, vice presidente software and services group di Intel in questo sito Web

ha dichiarato che MeeGo migliorerà la comunicazione tra dispositivi diversi che oggi funzionano con sistemi operativi diversi, inoltre questo nuovo sistema operativo unificato permetterà di ridurre i costi per lo sviluppo del software. A differenza delle varie distribuzioni Linux e anche di Chrome, Intel precisa però che l’obiettivo di MeeGo non è quello di funzionare sul massimo numero di dispositivi possibili ma di assicurare il funzionamento e l’interoperabilità su dispositivi basati su architettura Intel. Il colosso di Santa Clara ha dichiarato che è in corso di valutazione anche una versione di MeeGo per il segmento emergente dei tablet: gli sviluppatori sono già al lavoro per integrare le funzionalità touch.