Mercato computer portatili (tablet inclusi): Apple è prima al mondo

di |
logomacitynet696wide

Una società di ricerca compila una classifica delle vendite dei computer portatili, includendo i tablet touch e assegna ad Apple la palma di primo produttore al mondo del settore. Il dispositivi della classe di iPad trainano il mercato e cominciano a cannibalizzarela nicchia dei laptop tradizionali.

Il mercato dei PC, portatili compresi, è in affanno, ma se si includono nel conto dei computer mobili anche i tablet la situazione è ben diversa, soprattutto per quanto riguarda Apple. Ecco quello che si apprende scorrendo le cifre pubblicate oggi da DisplaySearch, una delle poche società di ricerca al mondo che somma le vendite dei computer a tavoletta a quelle dei normali laptop. In base al Quarterly Mobile PC Shipment and Forecast Report  il mercato del mobile computing è infatti cresciuto del 28% anno su anno e del 10% trimestre su trimestre, con 64,4 milioni di pezzi venduti, un risultato ottimo considerando lo scenario macroeconomico e quello dei computer in particolare.

I Tablet PC sono saliti del 400% anno su anno e del 70% quarto su quarto toccando 16,4 milioni di unità vendute. I laptop hanno venduto 48 milioni di unità con un calo del 2% trimestre su trimestre e una crescita del 2% anno su anno. Apple domina sia dal punto di vista della posizione in classifica (primo posto) che della crescita percentuale il mobile (+21,1%). Con 13,6 milioni di unità, Cupertino si è ripresa la vetta della classifica davanti ad HP che ha venduto 9,7 milioni di computer portatili, tutti con fattore di forma tradizionale.

Secondo DisplaySearch, «nonostante il secondo declino consecutivo per i laptop nelle vendite anno su anno sia da attribuire parzialmente agli ottimi risultati della prima metà del 2010, il tasso di crescita dei tablet PC comincia a puntare ad una cannibalizzazione del mercato dei notebook». La ricerca conferma che a trainare il business non è solo Apple; anche rimuovendo i dati riferiti ad iPad, i tablet PC sono cresciuti del 25% rispetto al 2010.