Mettiamo più canzoni nel nostro iPod shuffle

di |
logomacitynet696wide

Quando Apple ha lanciato i due modelli di iPod basati su memoria allo stato solido anziché hard disk, ha previsto anche una modalità speciale per aumentare il numero di canzoni accumulabili. Una piccola idea che potrebbe rivelarsi buona anche per altri scopi. Vediamola.

Se abbiamo l’abitudine di importare le canzoni dentro iTunes con un bit rate molto alto (maggiore di 128 Kbps, sia che si tratti di Mp3 che di Aac), le loro dimensioni come file diventano notevoli. Ci vuol poco perché una canzone di quattro minuti, anziché “pesare” tre o quattro mega arrivi invece a quindici o venti megabyte. Cosa fare se è proprio quella la musica che vogliamo portare con noi nel nostro nuovo iPod shuffle?

iTunes offre una funzionalità  per lo shuffle che consente di gestire questa situazione. In pratica, spuntando la selezione “Converti i brani con frequenza bit maggiore…” nelle preferenze del programma dedicate agli iPod, iTunes converte le varie canzoni in formato Aac a 128 Kbps sull’iPod shuffle. Attenzione, solo sull’iPod, quindi le nostre canzoni sul disco del Mac rimangono invece inalterate al formato che abbiamo scelto di dargli (è sempre possibile convertire anche loro, attraverso iTunes, ricordandosi però che i passaggi di codifica funzionano bene solo riducendo e non aumentando il livello di compressione).

Cosa succede nel nostro shuffle? Le canzoni che vengono acquisite con qualunque modalità  si scelga (Riempimento automatico, parziale da playlist o totale, etc) vengono convertite al volo in Aac nel momento del trasferimento sull’iPod. Il risultato è che così saremo sicuri di arrivare a mettere 250 canzoni (sempre che durino una media di quattro minuti a brano) sul nostro nuovo piccolo lettore digitale.

Un altro consiglio: la seconda voce da spuntare, “Mantieni iPod nell’elenco sorgente”, fa tenere ad iTunes sempre montata la playlist dello shuffle. Questo è utile se si vuole continuare a “lavorare” sulla selezione dei brani anche quando il lettore è staccato dal Mac. Appena connesso nuovamente, iPod si sincronizza automaticamente con la lista delle canzoni che trova nella playlist. Ideale per chi, anche senza collegare l’iPod shuffle, vuole aggiornare i contenuti del proprio piccolo lettore digitale, oppure anche continuare a far suonare quella selezione di brani.

shuffle piu' canzoni