Microsoft: “Longhorn cambierà  il volto dei laptop”

di |
logomacitynet696wide

Microsoft vuole usare Longhorn per cambiare il volto dei portatili. Nuove funzioni software trasformeranno l’€™hardware?

Un laptop che funziona come un gadget digitale, un’€™agenda personale e che si collega in maniera trasparente e rapida con uno schermo esterno. O che funziona come un vero e proprio riproduttore DVD con una interfaccia ad hoc. Queste alcune delle idee che Microsoft sta esplorando e che vorrebbe implementare in Longhorn, creando una sorta di variante dedicata ai portatili.

Secondo quanto si è potuto apprendere nel corso di WinHEC, la conferenza mondiale degli sviluppatori hardware di Windows, Redmond crede che progressivamente i portatili si stiano trasformando in qualche cosa di diverso da un semplice computer più piccolo e maneggevole, diventando un sistema portatile che ha usi multipli ma soprattutto differenti da quelli di un desktop. Ad esempio viene impiegato da chi è in viaggio per tenere traccia degli appuntamenti, per connettersi a reti mobili e per il divertimento nei momenti liberi. Le potenzialità  dei portatili in questo senso sono molto vaste e, secondo Microsoft, potenzialmente in grado anche di rivoluzionare ulteriormente il profilo d’€™impiego e persino l’€™aspetto dell’€™hardware. Di qui l’€™idea di creare una sorta di sistema operativo ad hoc per andare incontro a questa trasformazione.

Una delle funzioni che potrebbero comparire in Longhorn (che vedrà  la luce probabilmente nel 2006) è, ad esempio, un’€™interfaccia utente separata da quella dell’€™OS e creata per controllare il modulo DVD. Questa opzione trasformerebbe istantaneamente il portatile in una sorta di lettore ‘€œdedicato’€, nascondendo quanto non è necessario alla semplice riproduzione del film.

Una seconda funzione consentirebbe l’€™accesso a file multimediali, appuntamenti e calendari anche senza fare il log in Windows. In pratica lasciando acceso il computer lo si potrebbe usare come una sorta di palmare sopra misura, ignorando il sistema operativo vero e proprio. I produttori di hardware potrebbero sfruttare questa caratteristica per collocare uno schermo all’€™esterno (come accade per alcuni modelli di cellulari) che eviterebbe anche di aprire lo schermo principale.

Microsoft pensa anche ad una funzione per creare facilmente reti wireless per la condivisione di documenti, una componente software per la sincronizzazione automatica del laptop con un computer desktop e a qualche sistema per la connettività  di monitor esterni. Pare di capire che quest’€™ultima funzione, finalizzata in particolar mondo al mondo aziendale, consentirebbe una volta rientrati in ufficio di usare lo schermo da scrivania semplicemente collocandolo nei pressi di esso, impiegando dunque un qualche tipo di connessione istantanea, se non wireless.