Microsoft Vs il mondo

di |
logomacitynet696wide

Non e’ un momento facile per Microsoft: il colosso dell’informatica e’
impegnato sul fronte legale dalla giustizia USA (di cui vi riferiamo giornalmente) e su quello tecnico da Linux, che ha mietuto proseliti anche in aziende tradizionalmente partner come IBM… ora ci si mettono anche i virus all’attacco dei suoi server.

Un recente rapporto del Dipartimento della Difesa USA afferma che l’Open Source spesso porta ad applicazioni piu’ sicure e meno costose e che quindi il suo uso deve essere incoraggiato.
Forse proprio per questo motivo Microsoft ha intrapreso una decisa azione di lobbyng presso il Pentagono per fermare l’uso crescente di sistemi operativi Open Source negli ambienti governativi.

Microsoft si lamenta anche del fatto che il Pentagono effettui ricerca sulla
sicurezza del free software, aiutando in questo modo i propri avversari Open Source.

La casa di Redmond sostiene anche che il software Open Source e’ meno sicuro di quello Closed per il fatto che il codice e’ liberamente esaminabile dal mondo intero, ma diverse fonti autorevoli segnalano la generale maggior responsivita’ della comunita’ Open alle esigenze degli utenti.

Oltre a cio’, i sistemi di Microsoft continuano ad essere i piu’ besragliati
da virus e worm: dopo RedCode (che attacca i server IIS) e’ il turno di
Spida di mietere vittime nell’ambito degli amministratori “faciloni” di
server targati Microsoft.
Spida cerca macchine cui non siano state modificate la password e la login di default dell’amministratore, se le trova invia informazioni ad un host esterno e inizia la ricerca per nuovi server-vittima sia sulla rete interna che su IP esterni.
Pur non essendo un virus distruttivo, pare che Spida stia causando
grandissimi volumi di traffico sul protocollo TCP.

[A cura di Marco Centofanti]