Microsoft cerca una magia per la X-BOX

di |
logomacitynet696wide

La perdite della X-BOX preoccupano Microsoft che cerca una soluzione per trasformarla da buco nero in cui spariscono milioni di dollari ogni giorno, in un fattore di profitto. In vista un ruolo da “registratore” digitale per la console?

Microsoft sta cercando di trovare una strada per limitare le perdite determinate dalla X-BOX e spingere le vendite della console e pare intraveda la soluzione nell’integrazione della funzionalità  di registratore digitale.

A sostenere la tesi che la X-BOX potrebbe presto evolversi in qualche cosa di più complesso di un semplice apparato per videogiochi é Red Herring. Secondo l’edizione on line della rivista Microsoft starebbe infatti testando da qualche tempo una console dotata di Hard Disk e sintonizzatore TV grazie ai quali sarebbe possibile registrare programmi TV e rivederli sul televisore. La X-BOX “agli steroidi”, potrebbe essere venduta a prezzi più alti di quelli attuali consentendo di abbattere la vera e propria emorragia di capitali determinata dalla necessità  di competere con avversari agguerriti.

Secondo alcuni calcoli compiuti dallo stesso Red Herring Microsoft potrebbe perdere dalle vendite sottocosto della X-BOX 750 milioni di dollari nel corso del 2002 che diventeranno, un miliardo e cento milioni nel corso del 2003 quando arriveranno prevedibilmente nuovi abbattimenti del listino senza che Redmond sia riuscita a far diminuire in maniera considerevole i costi di costruzione.

Al momento ciascuna X-BOX costa a Microsoft 325$, ma viene venduta ai negozianti a 175$ determinando perdite di 150$ ogni macchina venduta. I costi vivi della X-BOX potrebbero scendere a 225 dollari non prima di cinque anni secondo alcuni calcoli, il che significherebbe un rosso nel bilancio davvero molto importante per la società  delle finestre. Tutto questo mentre i concorrenti, Sony e Nintendo, che pure vendono sottocosto le loro macchine, saranno in grado di limare le perdite su ciascuna consolle con estrema rapidità  e di fare profitti grazie al più alto volume di vendite dei giochi.