Microsoft contro UE, dagli USA monta la voglia di rivalsa

di |
logomacitynet696wide

Se l’€™Europa dovesse punire Microsoft gli USA dovrebbero prendere provvedimenti contro Airbus. Questa la minaccia di un parlamentare repubblicano. Ma la UE non demorde.

Gli Stati Uniti potrebbero attuare qualche tipo di rappresaglia commerciale nei confronti della Unione Europea se questa insisterà  nel voler punire Microsoft. Questa l’€™opinione del deputato repubblicano Jay Inslee rilasciate ad un’€™agenzia di stampa americana.

Secondo il parlamentare l’€™Unione dovrebbe riflettere bene su quello che sta facendo perché ‘€œin un momento di crisi come l’€™attuale il congresso americano potrebbe non essere più disposto a tollerare le sovvenzioni e i favori che il parlamento Europeo riserva ad alcune società ‘€. Tra queste, secondo Inslee, il consorzio che produce l’€™Airbus e il maggior concorrente mondiale di Boeing, una delle industrie leader negli USA.

Secondo il parlamentare repubblicano cova del malumore negli USA per ‘€œben documentati e non appropriati finanziamenti alla ricerca e allo sviluppo di Airbus da parte d alcuni governi Europei. Fino ad oggi non c’€™è stata una risposta a queste manovre per il desiderio da parte del Congresso di mantenere un buon rapporto commerciale con l’€™Europa’€. Le cose però potrebbero cambiare se la UE decidesse di risolvere il contenzioso con Microsoft in un modo in cui si finirà  per sfavorire i prodotti di Redmond.

Alla domanda se egli stesse suggerendo una rappresaglia nei confronti di Airbus nel caso le dure sanzioni proposte dalla UE contro Microsoft venissero applicate, Inslee ha risposto che non era sua intenzione né formulare suggerimenti o proposte.

Ma la prospettiva, non si sa quanto fondata, di guerra commerciale non pare intimorire la UE che oggi, per bocca del portavoce Tilman Lueder ha ribadito che non ci sarà  alcuna dilazione alle punizioni, a meno che Microsoft non avrà  argomenti convincenti nel momento in cui, entro due mesi, presenterà  le sue controdeduzioni. In caso contrario le sanzioni scatteranno immediatamente e gli abusi dovranno cessare. Lauder ha anche detto che, sulla base di quant verificato nel corso dell’€™indagine, non esiste molto spazio per la trattativa.