Microsoft e UE, avvicinamento a piccoli passi

di |
logomacitynet696wide

Microsoft annuncia di avere apportato le modifiche al codice di Windows e al’imballo del sistema operativo richieste dall’Unione Europea. Ma sul nome dell’OS senza Media Player si fa un passo indietro: niente accordo (per ora)

A piccoli passi ma Microsoft si muove nella direzione voluta dalla comunità  Europea. àˆ di questa mattina la notizia che Redmond ha infatti accettato tutti i cambiamenti al codice di Windows richiesti dall’€™Unione e conseguenza della sentenza che la condanna a separare Windows Media Player dal sistema operativo.

Secondo quanto riferiscono fonti interne alla società , gli avvocati di Microsoft hanno inviato una lettera con la quale si informa la Commissione che sono stati riparati i problemi derivanti dalla rimozione di 186 file specificati dal dispositivo, problemi che hanno suscitato proteste e perplessità  da parte dei concorrenti.

Specificatamente Microsoft aveva cancellato alcune componenti dal registro di Windows rendendo impossibile ai player della concorrenza un corretto funzionamento. RealNetworks aveva denunciato questa operazione sostenendo che non era semplice frutto di una distrazione, ma un atto intenzionale. ‘€œSanno benissimo come fare – aveva detto Dave Stewart consulente legale di Real – é solo una questione di volontà , non di capacità ‘€.

Microsoft ha anche accettato di creare un’€™applicazione liberamente scaricabile da Internet che è in grado di aggiornare Windows aggiungendo in una fase successiva Windows Media Player. Inizialmente questo non era possibile e chi avesse comprato la versione senza il player sarebbe rimasto privo per sempre.

Infine Microsoft ha anche accettato di cancellare dal pacchetto la scritta che sottolineava come la versione senza Media Player non è in grado di funzionare correttamente con Office ed Encarta. L’€™avviso era stato ritenuto penalizzante nei confronti delle possibilità  di vendita del pacchetto.

Intanto, però, si è anche appreso che mentre potrebbe chiudersi un fronte, un altro si riapre. L’€™Unione Europea ha infatti smentito di avere accettato come nome commerciale del Windows senza Media Player quello di ‘€œWindows XP N Edition’€. Per ora si tratterebbe solo di una proposta che è in corso di vaalutazione.