Microsoft e Yahoo: l’accordo è raggiunto, sarà  annunciato entro 24 ore

di |
logomacitynet696wide

Microsoft e Yahoo hanno raggiunto finalmente un accordo per collaborare su ricerche e pubblicità  online: secondo diverse fonti anonime ma attendibili i dettagli sono stabiliti e mancherebbe soltanto la firma pro-forma per siglare il patto. L’annuncio ufficiale potrebbe già  arrivare entro le prossime 24 ore.

Microsoft e Yahoo hanno raggiunto un accordo per collaborare su ricerche e pubblicità  online: il motore di ricerca Bing di Microsoft verrà  utilizzato nella pagine Web di Yahoo, mentre Yahoo gestirà  la vendita della pubblicità  utilizzando tecnologie Microsoft. La notizia che è trapelata ieri dai siti All Things Digital e Adage è stata poi ripresa dalle principali testate di informazione tra cui anche Reuters. A rivelare l’accordo raggiunto tra le due società  sono addetti ai lavori, dirigenti di entrambe le parti che desiderano rimanere anonimi perché non è ancora stato emesso un annuncio ufficiale. In ogni caso ogni dettaglio della collaborazione sembra essere stato definito: per stipulare l’accordo sembrano mancare solamente le firme delle due parti, operazione che viene definita come un pro-forma. Sempre secondo gli informatori l’annuncio ufficiale della collaborazione potrebbe avvenire già  entro le prossime 24 ore.

I nuovi accordi Microsoft Yahoo non prevedono acquisizioni di intere sezioni da parte di Redmond e nemmeno l’esborso di cifre importanti. Da quanto trapela le due società  hanno optato per la condivisione dei ricavi generati dalla collaborazione, stipulando un contratto più limitato e più gestibile rispetto alle trattative precedenti naufragate. Anche se la collaborazione sembra cosa fatta da più parti si invita alla cautela: oltre al passaggio formale delle firme, gli addetti ai lavori lasciano trasparire qualche dubbio circa il giudizio sull’operazione da parte della commissione anti-trust. L’accordo di collaborazione vede infatti uniti il secondo e il terzo operatore per la pubblicità  online: Yahoo con circa il 20% e Microsoft con poco meno del 10%, ben distanti anche uniti da quasi il 70% detenuto da Google. Nell’esame della commissione anti-trust le due aziende sosterranno l’opportunità  della nuova collaborazione come un migliore strumento per fronteggiare l’egemonia di mercato di Big G.