Microsoft entra nella Open Mobile Alliance per conquistare i cellulari

di |
logomacitynet696wide

Ancora un passo di Microsoft alla conquista di un mercato in cui non e’ ancora protagonista: quello dei telefoni cellulari.

Microsoft avra’ anche qualche problema con la giustizia (ma il processo si avvia ad una conclusione in sordina), sara’ anche messa in difficolta’ nel area dei server da parte di Linux, ma per converso cerca nuove strade col suo TabletPC e attacca con forza nel settore dei palmari e tenta di sfondare in quello che, per molti versi, rischia di essere la vera “next big thing”, la scambio dati via cellulare.

Rientra in questo contesto l’annuncio dell’azienda di Redmond di voler partecipare ad una nuova organizzazione, la Open Mobile Alliance, che promuove una metodologia standard di scambio dati per queste apparecchiature.

La Open Mobile Alliance e’ stata creata dalla fusione di altri due gruppi promotori di standard di comunicazione per periferiche mobili, la Open Mobile Architecture Initiative, creata lo scorso anno da Nokia, e WAP Forum, del quale Microsoft era gia’ parte.

Della OMA fanno parte 200 societa’, tutte con lo scopo di distribuire dati sulle reti di telefonia cellulare.
L’intento dell’ingresso di Microsoft e’ quello di vitalizzare il mercato mostrando la continuita’ tra il mondo dei pc e quello dei dispositivi mobili; in Asia e in Europa la quantita’ di dati scambiati con questi dispositivi e’ elevatissimo, ma in America lo sviluppo non e’ stato fino ad oggi quello sperato.

Attualmente le tecnologie dominanti nel settore dei cellulari sono CDMA, che e’ proprieta’ di Qualcomm, e GSM, che e’ considerato uno standard aperto ma che non e’ interoperabile con CDMA.
La non interoperabilita’ causa la necessita’ di accordi tra operatori, i costi dei quali si ripercuotono sulla utenza, che per questo non cresce quanto auspicato.

[A cura di Marco Centofanti]