Microsoft guadagna posizioni su Internet in luglio

di |
logomacitynet696wide

Arriva l’indagine mensile sui sistemi operativi e browser usati su Internet ed elaborata da Netapplications. Microsoft guadagna si negli Os che nel browser. Apple perde terreno. Safari insidiato da Firefox 3.

Microsoft rimonta nelle statistiche di Netapplications. I dati mensili che si riferiscono al mese di luglio pubblicati dalla società  specializzata in ‘€œaudience’€ su Internet, riferiscono infatti un aumento sia della percentuale di utilizzo dei sistemi operativi di Redmond che di Internet Explorer.

In base a quanto si apprende dalle tabelle, Microsoft è arrivata al 91,02% su Internet poco di più del 90,89% che aveva conseguito al mese di giugno. L’€™aumento di Windows ha avuto come riscontro un calo di Mac Os X, sceso dal 7,94% di giugno (record storico per Cupertino nei dati di Netapplications) al 7,76%. In luglio il sistema operativo iPhone ha guadagnato terreno passando dallo 0,16 allo 0,19%. Ma a riprova che iPhone 3G sta andando benissimo, a fine mese il dato era ancora più elevato: 0,22%. Quello del telefono di Apple è sempre il quarto sistema operativo più utilizzato, dietro a Windows, Mac e Linux.

Microsoft riesce a risalire la classifica anche per quanto concerne il browser. Internet Explorer sale, anche se in maniera molto marginale, dal 73,01 al 73,02. Il dato più interessante viene da Firefox che sorprendentemente scende dal 19,22 al 19,03%. Questo dato smentisce quelli rilevati a ‘€œspot’€ dalla stessa Netapplications durante il mese, in base ai quali il browser open source aveva guadagnato terreno sia in rapporto ad IE che in termini assoluti. I responsabili di Netapplications sottolineano come Firefox comunque sia riuscito ad imporsi con la versione 3 che ha guadagnato utenti, ma strappandoli prima di tutto ai browser minori come Safari (che perde lo 0,17%), Opera e tutte le versioni di Firefox precedenti alla versione 2.

Il fatto che Safari abbia perso così tanto terreno dopo mesi di risalita, pare confermare una certa vulnerabilità  del navigatore di Cupertino al lancio di Firefox 3.

Ricordiamo che Netapplications usa un sistema a campione per fissare i suoi dati partendo dalle visite ad un vasto numero di siti (40mila), prevalentemente di e-commerce.