Microsoft: guerra alla pirateria

di |
logomacitynet696wide

Per fermare la pirateria Microsoft introdurrà il codice di attivazione. Il sistema, che scandaglia l’hardware per ricavare un numero da trasmettere a Redmond, preoccupa gli utenti Win.

Microsoft ha deciso di combattere a fondo la pirateria informatica dei suoi prodotti e per farlo ha deciso di resuscitare la procedura di “attivazione” del software che aveva introdotto e poi ritirato al lancio di Office.
Il sistema allora come oggi consiste in una procedura che viene attuata dal software in fase di installo. Mentre le varie componenti vengono collocate sul disco fisso una speciale routine si occupa di raccogliere varie informazioni sull’hardware e genera una “chiave” che, unita a quella di identificazione del prodotto, è necessaria a far funzionare il software. Questa chiave trasmessa a Microsoft, per telefono o via Internet, sarà  necessaria per ottenere il codice vero e proprio di attivazione.
Questo sistema era stato ampiamente criticato dagli utenti di Microsoft perchè potenzialmente potrebbe essere un sistema per carpire informazioni che si vogliono mantenere private. Questa volta, però, Microsoft fornisce garanzie al proposito. Quando la procedura di attivazione verrà  introdotto con Whistler, successore di Windows 2000, non verrà  raccolta alcuna informazione privata nè, tantomeno, scandagliato il disco fisso. Non dovrebbe essere necessario, sostiene Microsoft, neppure avere una nuova chiave neppure se si aggiungono nuove componenti e periferiche. “Solo se il sistema viene interamente cambiato – dicono alla Microsoft – sarà  necessario avere a disposizione una nuova chiave”. Sarà  necessaria una nuova chiave anche a chi riformatta, per qualunque motivo, il proprio HD.
Secondo Redmond questa metodologia eliminerà  alla radice l’utilizzo della stessa copia di software su diverse macchine. Infatti il codice di attivazione, una volta generato, non sarà  più valido per installare lo stesso prodotto su una macchina che non è quella della prima installazione.
Alcuni analisti fanno osservare che il sistema di protezione che verrà  introdotto da Microsoft su tutti i suoi prodotti, fermerà  più che la pirateria che fa della copia un business, le copie tra utenti finali.
Al momento no è chiaro se e come Microsoft intende introdurre il codice di attivazione anche sui suoi prodotti per Macintosh.