Microsoft sta sviluppando Office per iPhone?

di |
logomacitynet696wide

Microsoft lavora ad Office per iPhone? Le speranze per una versione di Microsoft Office utilizzabile su iPhone sono alcune dichiarazioni rilasciate da Stephen Elop, presidente della Business Division di Microsoft in occasione del Web 2.0 Expo.

Su iPhone e touch è possibile trasferire, conservare e persino consultare i principali formati di file per i documenti di Office, risulta inferiore invece il supporto che permette di creare e modificare i documenti di lavoro direttamente sui tascabili multi-touch della Mela. Per queste ragioni numerosi utenti sperano in una versione di Microsoft Office creata appositamente per iPhone e touch, una speranza che aleggia fin da quando Apple ha commercializzato la prima versione di iPhone Edge.

A rilanciare le speranze ora è direttamente un alto dirigente di Microsoft: Office per iPhone “Non ancora” ha affermato Stephen Elop, presidente della Business Division di Redmond consigliando però ai presenti di “rimanere in attesa”. Le affermazioni arrivano in risposta a una precisa domanda di Tim O’Reilly, Ceo dell’omonima casa editrice, in occasione della conferenza Web 2.0.

Intervistato da O’Reilly il dirigente di Microsoft ha spiegato che la società  sta ancora lavorando a una versione di Office in grado di funzionare completamente via Web, destinata soprattutto alle grandi aziende e sostenuta da inserzioni pubblicitarie. I due obiettivi di Microsoft sono quelli di offrire una interfaccia che non richiede ulteriore apprendimento per i circa 500milioni di utenti di Office tradizionale, inoltre riuscire ad offrire servizi e funzioni innovativi, apprezzabili da parte delle aziende e in grado di generare valore diretto. Nella sua intervista Elop ha inoltre chiarito che Microsoft è attenta alla crescente diffusione degli smartphone e al loro utilizzo da parte degli utenti. In definitiva non è possibile chiarire a questo punto se l’ipotetico Office per iPhone sarà  reso disponibile sotto forma di un applicativo vero e proprio, oppure se sarà  offerto come una serie di servizi e funzioni erogati via Web, come l’atteso Office Web di cui le indiscrezioni ormai parlano da anni.