Microsoft: un milione di Zune a metà  2007

di |
logomacitynet696wide

Microsoft stende i piani per portare al successo Zune. Entro metà  del 2007 Redmond punta al milione di pezzi e poi a scalzare Apple dal primato nei lettori di fascia alta.

Microsoft si dichiarerà  soddisfatta se riuscirà  a vendere un milione di Zune entro la metà  del prossimo anno. Questo quanto ha dichiarato ieri ad alcune agenzie di stampa Bryan Lee, il Corporate Vice President di Microsoft.

Lee ammette che la soglia di un milione rappresenterebbe una cifra decisamente irrilevante se confrontata con i quindici se non venti milioni di iPod che Apple potrebbe vendere nella metà  del tempo, ma nonostante questo crede che il dato possa essere comunque importante perché iPod viene venduto in molti modelli mentre Zune è venduto in un solo modello e perché Zune è disponibile solo negli Usa e non fuori da essi come iPod. A conti fatti secondo Microsoft non dovrebbe essere impossibile conquistare il primo posto nel campo dei player di fascia alta, quelli basati su disco fisso e con grande capacità  di memoria e schermo a colori.

Altri analisti stimano che Zune potrebbe vendere mezzo milione di pezzi in tre mesi di disponibilità  arrivando al 2% del mercato dei lettori basati su HD. Microsoft, sempre secondo gli osservatori, nei prossimi mesi dovrà  comunque lavorare molto se vuole in qualche modo provare ad intaccare il regno di iPod. Tra le iniziative da intraprendere c’€™è certamente il lancio di nuovi modelli tra cui anche qualcuno bastato su memoria flash.

Microsoft in ogni caso sembra avere un approccio molto realistico preferendo puntare a consolidare il mercato (‘€œche ha numeri obbiettivamente piccoli’€, dice Jason Reindorp, marketing director di Zune Microsoft) e a porre le basi per una crescita futura. Per ora a Redmond ci si limita a manifestare apprezzamento per il risultato di vendite conseguite dal modello marrone di Zune che nessuno pronosticava al top delle preferenze dei clienti ma che sembra stia raggiungendo buoni risultati in termini di gradimento.