Milano, il wireless meno sicuro d’Europa

di |
logomacitynet696wide

Secondo una indagine di Rsa Security, il capoluogo lombardo mantiene due primati. La tecnologia più moderna per la realizzazione dei punti di accesso senza fili e il più basso livello di sicurezza implementato

Il Wi-Fi, cioè la connessione senza fili all’interno di una rete locale, permette di rivoluzionare il modo in cui la rete di casa o dell’ufficio viene realizzata. Ma presenta anche una sfida consistente per quanto riguarda la sicurezza. Che non sempre viene vinta.

Secondo una indagine di Rsa Security, azienda statunitense che si occupa di criptografia ed e-Security, tra le quattro città  monitorate negli ultimi mesi per vedere quante reti wireless fossero state realizzate e come funzionassero dal punto di vista della sicurezza, Milano si classifica tristemente all’ultimo posto.

La migliore dal punto di vista della sicurezza (anche se il livello non è ottimale) è Londra, con 1078 punti di accesso monitorati dagli uomini di Rsa, 368 dei quali senza sicurezza crittata (il 34% del totale), 70 Vpn su reti non criptate, 267 addirittura lasciate con le impostazioni di fabbrica (pari al 25% del totale).

Francoforte e Parigi presentano una soluzione solo relativamente peggiore, con rispettivamente 261 e 198 punti di accesso monitorati, il 32% e il 41% senza protezione Wep, 5 e 9 rispettivamente senza criptazione per le Vpn, il 39% e il 33% con i parametri di default.

Ma la situazione peggiore viene da Milano. Pur essendo state “annusate” solo 148 punti di accesso, infatti, ben il 72% (106 punti di accesso) si presentavano senza alcuna protezione Wep, 2 permettevano di realizzare Vpn senza criptazione della rete e ben il 47% del totale, cioè 71 reti, erano configurate mantenendo esattamente gli stessi parametri di default forniti dal venditore della tecnologia.

Una situazione che per Milano, nonostante stia crescendo il numero di sistemi wireless utilizzati dagli uffici e venga implementata una tecnologia sempre più aggiornata, non è affatto positiva. Se la protezione disponibile nell’hardware e nei software non viene implementata, infatti, è come non averla. Così, almeno, la pensano gli uomini di Rsa Security che nei mesi scorsi hanno girato armati di laptop e scheda senza fili per analizzare dal vivo le debolezze di queste reti. Di opinione diversa, evidentemente, devono essere quelli che realizzano le suddette reti per i clienti milanesi.