Monitor LCD, calano i prezzi

di |
logomacitynet696wide

I prezzi dei monitor LCD sono in fase calante grazie all’aumento della produzione. All’orizzonte portatili più ricchi in dotazione e schermi piatti sulle scrivanie.

Prima una discesa e poi una risalita. Il prezzo dei monitor a cristalli liquidi sarà  sulle montagne russe nel corso del 2001. Lo sostengono alcune società  di analisi di mercato che sottolineano come questo andamento sia legato alla ferrea legge della domanda e all’offerta.
Da qualche tempo il mercato sta tentando di aumentare la produzione di questi display, destinati a divenire un gadget molto richiesto e diffuso sia per l’affermazione di portatili e di palmari che per la loro adozione anche nel settore desktop. L’apertura di nuove fabbriche sta causando proprio in questi giorni un aumento dell’offerta, che aumenterà  del 10% ogni trimestre contro una crescita della domanda di solo lo 0.7% a trimestre, e un conseguente calo dei prezzi. A metà  dell’anno che siamo vivendo i costo medio sul mercato USA di un monitor LCD da 15 pollici potrebbe scendere dagli attuali 874$ a 500$. Il taglio del listino quantificabile in un 30% sarebbe lo stesso di monitor più piccoli, quelli usati normalmente nei portatili. Il calo potrebbe poi continuare anche successivamente raggiungendo livelli anche più bassi rendendo possibile offrire portatili più ricchi in dotazione visto che dal 30 al 40% dei costi di un laptop sono rappresentati dal monitor.
Successivamente però i prezzi cominceranno a risalire. I consumatori cominceranno infatti a ritenere molto appetibile questo tipo di schermo e la richiesta aumenterà  provocando una stabilizzazione dei prezzi o una loro leggera risalita in vista di nuovi aumenti di produzione e del rilascio di schermi di dimensioni più generose.