Monopolista sarai tu

di |
logomacitynet696wide

Kodak accusa: “Microsoft ci esclude da XP per favorire i suoi alleati”. Redmond replica “Sono loro che vogliono tutto il mercato della fotografia digitale”

“Monopolista”, “No Monopolista sei tu”. Questo, più o meno, lo scambio di accuse tra Microsoft e Kodak avvenuto ieri nel contesto di un evento nel corso del quale la società  di Redmond e altre 20 società  avevano messo in calendario una dimostrazione di come XP sia in grado di acquisire e manipolare facilmente immagini digitali.
A margine della inziativa Kodak ha reiterato i pesanti sospetti che da qualche settimana riversa nei confronti di Microsoft che secondo il leader mondiale nei prodotti fotografici di consumo “starebbe operando per ridurre le scelte nelle applicazioni per la fotografia digitale fornendo alle proprie un trattamento preferenziale e portando il potenziale ritorno economico che deriverà  dai consumatori verso l’offerta di Microsoft o di alleati della stessa Microsoft”.
Nel mirino, come già  specificato qualche tempo fa da Macity, il particolare funzionamento di XP che renderebbe difficile (se non impossibile) lanciare una applicazione diversa da quella standard per il trattamento delle immagini acquisite da macchine fotografiche digitali e, soprattutto, indirizzerebbe per la stampa delle stesse i clienti verso laboratori preferenziali che avrebbero firmato accordi con Microsoft stessa.
Facile comprendere da dove deriva l’irritazione di Kodak. In uno scenario di questo tipo Microsoft non solo chiederebbe una congrua percentuale sulla stampa a tutti i clienti “mandati” da XP ma potrebbe selezionare i partner escludendo chi non è gradito o selezionando chi può e chi non può partecipare. Tra gli esclusi potrebbero esserci, ad esempio, laboratori che usano carta Kodak, ipotesi non del tutto improbabile visto che Fuji è una fedele alleata di Redmond.
Accanto a ciò Kodak crede che Microsoft stia operando per rendere difficile (connettere macchine fotografiche “non gradite” e tra queste proprio le Kodak. Per farlo, accusa il portavoce di Kodak Anthony Sanzio Redmond avrebbe “escluso senza spiegazioni i drivers Kodak dal beta testing di XP, nè hanno fornito specifiche per i drivers stessi”
“Abbiamo attuato questa procedura – ha detto il portavoce di Microsoft Jim Cullinan – perchè Kodak aveva operato in maniera che il drivers lanciasse il programma di modifica delle immagini di Kodak stessa anche se venivano connesse macchine fotografiche di altre marche. Alla Kodak – ha rincarato la dose Cullinan – non dicono tutta la verità . Il fatto è che vorrebbero che il loro software monopolizzasse XP e gestisse tutta la parte di immagini digitali”. Si qui la scelta di escludere il driver e di far apparire un pop up che avverte tutti coloro che lo scaricano da Internet che esso non è stato testato con XP e potrebbe non essere affidabile.
“I nostri drivers – ha detto Sanzio – funzionano con tutte le versionio di Windows ma non vanno solo con XP. Per il resto noi chiediamo che la nostra applicazione sia di default solo quando viene connessa una macchiana fotografica Kodak; non mi risulta che essa viene lanciata anche quando si connettono altre macchine fotografiche, se è così non è stato fatto apposta”
La diatriba pare sia destinata a continuare e forse anche ad arrivare a posizioni più estreme. Kodak sottolinea che questa settimana invierà  i drivers a Microsoft per l’inclusione nella versione finale di XP; Microsoft replica che è difficile che il drivers verrà  incluso nella distribuzione. “Siamo troppo vicini. Kodak può operare con i produttori di PC, chiedendo a loro di includere il drivers nella installazione personalizzata di Windows, così, come sta facendo AOL”