Musica digitale, le vendite ristagnano

di |
logomacitynet696wide

La musica digitale non cresce più. Pochi progressi dalla primavera ad oggi nonostante l’€™incremento delle vendite di iPod. Discografici preoccupati.

Le vendite di musica digitale stentano a smentire, almeno per il momento, chi pronosticava un futuro luminoso per il download legale, giunge da una ricerca di Nielsen SoundScan, riportata da alcuni media americani.

Negli USA il numero dei brani scaricati dai negozi on line è triplicato nel corso di un anno, dal maggio 2004 allo stesso mese del 2005, toccando i 6,6 milioni a settimana, ma successivamente ha quasi arrestato la crescita, raggiungendo a fine ottobre i 6,7 milioni di brani, appena 100.000 in più rispetto alla primavera.

Proiettando i numeri sulle vendite di iPod si scopre che l’€™effetto congiunto del rallentamento delle vendite della musica digitale abbinato all’€™incremento delle vendite di iPod sta producendo addirittura una regressione nella popolarità  relativa dei negozi di musica digitale, visto che si sarebbe passati da 25 download per anno per iPod a 15.

Il dato sta facendo credere agli analisti che, almeno per quanto riguarda gli USA, la costante crescita di vendite di iPod non riesce ad avere l’€™impatto previsto sulle vendite di musica on line per il fatto che chi acquista il lettore lo usa semplicemente per archiviare musica che acquisisce in altro modo, ad esempio rippando i propri CD.

Al di là  delle considerazioni inerenti il player e il suo effetto sulla musica digitale, il risultato ultimo di questa situazione è che se le case discografiche speravano nella musica digitale per risollevare le sorti dei loro bilanci, potrebbero avere sbagliato, almeno per ora, i conti. Il download non sta ripagando il calo nelle vendite dei CD.