Negozio Apple sulla 5th avenue impallato su Street View

di |
logomacitynet696wide

Il negozio Apple sulla Quinta Strada a New York è una di quelle “location” che tutti gli appassionati Mac vorrebbero vedere almeno una volta nella vita. Provare a farlo con Street View però è sicuramente più difficile di quel che si potrebbe immaginare. Causa camion UPS.

Google ed Apple sono buone alleate. The Big G fornisce a Cupertino le sue mappe per iPhone, cerca di rendere compatibili con il sistema operativo e i browser di Cupertino tutto le sue applicazioni e in alcuni casi favorisce perfino i clienti della Mela come accaduto con il lancio di Street View avvenuto sul telefono della società  di Jobs prima che su altri dispositivi. Si deve quindi pensare ad un caso sfortunato e non ad uno “scherzaccio” se passeggiando virtualmente sulla Quinta Strada a New York, giunti in corrispondenza del 667, dove si trova il più famoso negozio di Cupertino, la visione stradale di Google ci mostrasse invece che lo scintillante cubo di cristallo la fiancata marrone di un veicolo con la scritta gialla di UPS.

L’effetto che mostriamo nell’immagine in calce è davvero brutto. Il furgone impalla completamente il negozio, visto che la foto è stata scattata ad una cinquantina di centimetri, massimo, di distanza. Facendo un passo a lato si trova un altro furgone (per giunta piuttosto malridotto) che continua ad oscurare la vista. Il negozio lo si riesce a vedere solo di “sguincio” scorrendo al numero 772 della 5th avenue, oppure al 764.

La speranza (probabilmente anche di Cupertino se si è già  avveduta della cosa) è che nel prossimo giro di foto di Street View ci siano condizioni maggiormente favorevoli e che in torno non ci siano né camion né impalcature. In fondo Street View serve anche a curiosare per le vie del mondo, cercando di farsi un’idea di come sono alcune cose che non abbiamo mai visto, che vogliamo vedere o che non vedremo magari mai dal vivo e sicuramente il negozio della 5th avenue per gli utenti Mac è una di queste.

Grazie della segnalazione a Lorenzo Facchinetti