Nel 2009 Microsoft ci riprova con un nuovo Zune

di |
logomacitynet696wide

Dopo le voci di abbandono del settore musicale e le conseguenti smentite, ecco una nuova indiscrezione: Zune subirà  un importante aggiornamento che riguarderà  specifiche tecniche e funzioni offerte. Lo ha rivelato Brian Seitz marketing manager della divisione media player di Microsoft.

Dopo l’aggiornamento del 2008 che ha introdotto novità  di portata limitata come una capacità  maggiore e l’aggiornamento del Firmware per rendere possibili gli acquisti via Wi-Fi, nel 2009 vedrà  la luce un nuovo Zune. Lo ha rivelato Brian Seitz marketing manager della divisione media player di Microsoft. Il dirigente non ha svelato dettagli sulle nuove funzioni e sulle specifiche del nuovo Zune ma ha chiaramente indicato che il lettore subirà  un aggiornamento decisamente più consistente e importante rispetto a quello realizzato nel 2008.

Il lettore di Microsoft non è riuscito a tener testa alla concorrenza incalzante da parte di Apple con diverse versioni di iPod e con l’integrazione riuscita tramite il negozio online iTunes Store. Dopo aver annunciato il milione di pezzi venduti a metà  del 2007, Microsoft non ha rilasciato ulteriori dati di vendita.

Nei mesi scorsi si era parlato, proprio quale conseguenza delle prestazioni non entusiasmanti di Zune sotto il profilo delle vendite, di un abbandono del settore da parte dei Redmond. La società  delle Finestre aveva poi smentito e precisato sostenendo, anche per bocca di Ballmer che cambierà  la strategia con l’integrazione di alcune delle tecnologie di Zune in altri dispositivi ma senza cancellare il prodotto. Alcuni avevano inteso questo proclama come l’arrivo di un telefono Microsoft, ma anche questa indiscrezione è stata successivamente smentita.

Ora per capire come sarà  il nuovo Zune non resta che attendere e vedere. Ma, al di là  di smentite ed indiscrezioni, è praticamente certo che Microsoft cambierà  strada non fosse per altro che per il fatto che il mondo dei lettori di musica digitale così come li conosciamo è ormai pressoché alla fine.