Niente negozio a Germantown

di |
logomacitynet696wide

Il braccio di ferro tra il comune di Germantown, dove Apple dovrebbe costruire un nuovo negozio, e Cupertino continua. Al centro della contesa ancora l’€™insegna che non risponde alle norme disposte dalle regole locali.

Sembra proprio che il braccio di ferro tra Apple e la Design Review Commission di Germantown si giunto ad un punto morto.
L’€™organismo, che vigila sulle ferree norme inerenti la segnaletica stradale del centro localizzato in Tennessee, è entrato in disputa con Apple che intenderebbe aprire un suo negozio in un centro commerciale. Una norma comunale infatti impedisce l’€™utilizzo di simboli alimentari nelle insegne, e tecnicamente la Mela di Apple è proprio il simbolo di un alimento, e la retroilluminazione.
Apple e la commissione erano arrivate ad un accordo, fondato sul buon senso, per quanto riguardava il simbolo. La disposizione di Germantown traeva infatti la sua ragione d’€™essere dalla necessità  di rendere ‘€œdegne’€ le insegne ma nessuno aveva pensato che una grande società  come Apple, che usa proprio una mela come simbolo, potesse decidere di aprire un negozio a Germantown. Di qui una deroga.
Dove invece non pare proprio che si sia vicini ad un accordo è sulla retroilluminazione dell’€™insegna. Apple insiste perchè la luce filtri dai bordi dell’€™insegna il che significa avere una insegna luminosa, proibita dalla commissione che non recede. Ma neppure Apple sembra disposta a fare un passo indietro, di qui la posizione di stallo.
Per ora Apple ha deciso di sospendere il processo per l’€™apertura del negozio ‘€œche evidentemente non può essere aperto – Ron Johnson di Apple – senza l’€™insegna’€. Non è da escludere, se una delle due parti non farà  un passo indietro, che Apple possa decidere di spostare altrove la realizzazione del negozio.