Niente versione modulare di Windows in tribunale

di |
logomacitynet696wide

Non ci sarà  la dimostrazione di Windows in versione modulare in tribunale. “Troppo lunghi i tempi di valutazione richiesti da Microsoft”, dicono gli Stati.

Non ci sarà  la dimostrazione in aula della versione “modulare” di Windows. I nove stati che si oppongono alla mediazione e che avevano chiesto ed ottenuto dal giudice la possibilità  di mostrarla davanti alla corte, hanno cancellato la testimonianza.

La scelta non avviene, però, per incertezza nei confronti del teste, il consulente informatico James Bach, che aveva preparato quello che Microsoft sostiene essere impossibile, un OS modificato in maniera da non avere inclusi “accessori” come IE o Windows Media Player. Si tratta invece di un’azione che mira ad accelerare il caso. Microsoft, che si era strenuamente opposta alla dimostrazione, aveva detto che per preparare la risposta a quello che gli stati avevano in animo di presentare, aveva bisogno di un tempo non precisato. Questo avrebbe prolungato oltre ogni legittima attesa la conclusione del processo e il pronunciamento del giudice.

Parte della colpa sarebbe anche dello stesso autore del programma “modulare” che avrebbe inviato 10 versioni del suo programma e 67 CD. Davvero una massa enorme di materiale. “Qui non si parla di ore – ha detto il team legale di Microsoft parlando dei tempi di valutazione – né di giorni”.