Nuove ATI: facile il supporto per OpenGL

di |
logomacitynet696wide

Alcune delle nuove routine e degli effetti della scheda basata sul chip Rage6 e che, nelle intenzioni di ATI, dovrebbe sbaragliare la concorrenza sono già  supportate in OpenGL 1.2, altre possono essere implementeta come estensioni di OpenGL. Una buona notizia che lascia immaginare che la nuova scheda potrebbe essere facilmente rilasciata fin da subito anche per la nostra piattaforma. Nei giorni scorsi, dopo l’annuncio del chip, in molti si sono chiesti se sarebbe stato mai rilasciato anche su prodotti per Mac e, soprattutto, quando sarebbe stato rilasciato per Mac. ATI non ha risposto alle domande in merito nè, tantomeno, ha illustrato dettagli sulla disponibilità  al pubblico.

La ragione di tanta riservatezza starebbe nella volontà  da parte della società  canadese di avere la certezza, al momento del rilascio, di avere a disposizione un numero sufficiente di schede tale da soddisfare anche il mercato del post-vendita che alla presentazione della ATI RAGE 128 era stato rifornito con difficoltà . Alcune voci, in ogni caso, parlano di stato dei lavori molto avanzato, tanto avanzato da lasciar supporre che la presentazione possa essere questione di poche settimane.
Gli stessi osservatori ritengono, in base alle esperienze passate, che ATI possa privilegiare Apple, come già  accaduto con la ATI RAGE 128 che ha fatto la sua comparsa per la prima volta in versione OEM sui computer della società  di Cupertino.
Ricordiamo che il chip Rage6, secondo ATI, è in grado di randerizzare alla velocià  di oltreun Gigatexel al secondo, una velocità  che lo mette al pari con quelli più potenti disponibili sul mercato dai chip di Nvidia a quelli di 3dfx. Prestazioni che sarebbero esaltate dal Charisma Engine, in sostanza un set di funzioni specificatamente pensate per aumentare la velocità  e la qualità  della creazioni delle textures e dal Pixel Tapestry, un altro set di istruzioni per migliorare e rendere qualitativamente migliori le superfici randerizzate dal chip.