Nuove carte prepagate iTMS per specifici artisti

di |
logomacitynet696wide

Al festival musicale di Austin esordiscono le schede prepagate per iTunes “personalizzate”. Edizioni limitate che “linkano” direttamente alle canzoni di duecento artisti presenti nella città texana per farsi conoscere dagli addetti ai lavori. Riposi in pace il CD promozionale.

All’SXSW – South By Southwest Music Festival 2005 che si apre oggi 18 marzo ad Austin, Texas si esibiranno 200 musicisti, Apple ha colto l’occasione per sfornare qualcosa che delizierà  i collezionisti.

Sono delle speciali carte prepagate che regalano musica da iTunes Music Store, speciali per vari motivi: recano stampate su di esse le creazioni artistiche degli artisti prescelti, una volta accreditate sul jukebox di Apple portano direttamente alla canzone/album/playlist indicata, sono in edizione limitata, saranno distribuite gratuitamente nelle varie situazioni dell’evento texano (ingressi da un minimo di 545 dollari per SXSW Music 2005).

Oltre duecento band hanno commissionato card prepagate ad Apple e questa è una soluzione che si propone anche come sostituto di ben più costosi CD promozionali distribuiti in queste occasioni. I Gorillaz hanno lanciato la world premiere del loro nuovo brano “Dirty Harry” proprio ad Austin con questo metodo.

Queste iTunes Custom Cards sono state studiate da Apple in stretta collaborazione con gli artisti e case editrici per promozionale adeguatamente la nuova musica che si ascolterà  ad Austin. Una soluzione di streaming dell’SXSW trasmette online varie canzoni in formato QuickTime.

Apple all’SXSW è coinvolta con l’iniziativa “Jukebox Jury”, oggi pomeriggio sarà  selezionato quale artista partecipante potrà  giovarsi di una speciale apparizione su iTunes Music Store, a partire da martedì 22 marzo, i candidati non sono stati ancora prescelti, la giuria è invece composta da molti nomi, tra i quali si fanno notare Robert Plant ed Erykah Badu.

Le “classiche” card prepagate continuano ad essere purtroppo una prerogativa solo dell’AppleStore statunitense e di vari rivenditori sul territorio nord americano.