Nuovi iBook, ecco tutte le novità  dentro e fuori

di |
logomacitynet696wide

Dal case in policarbonato monocolore al peso, dalle dotazioni di accessori alla durata delle batterie. Ecco in un solo articolo che cosa cambia tra il vecchio e il nuovo iBook

Apple punta alla semplificazione della linea ma anche ad un mercato più ampio con i nuovi iBook. Questo, in sintesi, quanto si può dedurre dalle caratteristiche delle nuove macchine presentate pochi minuti fa a Cupertino.
Le novità  di maggiori rilievo, come previsto, vengono dal case. Niente più colori, via le linee tondeggianti. Un ibook in stile Titanium spigoloso e un pò più serioso, ma niente involucro metallico. Si tratta invece di un prodotto realizzato nel più tradizionale policarbonato e di colore chiaro.
Apple ha lavorato molto sulle dimensioni e sui pesi. Il nuovo iBook è più stretto (28.5 cm contro 34,5), più corto (23 cm contro 29) più sottile (3,4 cm contro 4,6) ma soprattutto di molto più leggero, appena 2.2 contro i 3 kg della precedente edizione.
Modifiche anche all’interno benchè non siamo di fronte ad alcuna rivoluzione. La scheda madre pare essere rimasta la stessa, così anche il bus processore (che è a 66 MHz), niente doppio slot Ram e niente aggiornamento della scheda grafica che è ancora la arcinota Rage 128 da 8 MB di VRam. Aumentano a due però le porte USB (una sola come in precedenza quella FireWire) e cambia il processore che arriva da 466 a 500 MHz anche se resta un G3.
Migliora l’apparato audio: il nuovo iBook non ha un solo altoparlante come il precedente ma due che riproducono suono stereofonico. Dai primi dati, e in attesa di conferme da Apple, pare anche che la porta USB sia in grado di supportare dispositivi audio esterni come Sound Sticks.
Lo schermo resta lo stesso da 12 pollici ma supporta ora una risoluzione maggiore, fino a 1024×768 (il vecchio iBook arrivava solo a 800×600).
Infine la batteria che dovrebbe essere diversa. Basata su Ioni di Litio fornisce fino a 42 watt ora e garantisce cinque ore di autonomia, un’ora in meno di quella dichiarata per la precedente versione, e’ diversa anche da quella del Titanium almeno nell’aspetto esteriore.
La capienza del disco fisso è unica per tutti i modelli (10 GB) cambia invece la Ram, si va da 64 a 128 MB.
Le dimensioni della memoria con la diversa dotazione del supporto di registrazione dati è l’unica cosa che distingue i vari modelli di iBook. Siamo infatti di fronte alla rivoluzionaria (per Apple) di semplificare la linea non solo togliendo i colori ma anche cancellando le differenze di processore.
Il modello di iBook, di fatto, è unico a 500 MHz. Tra la versione low end e quella high end le differenze sono minime: si va da una macchina con solo CD (e 64 MB di Ram), ad una con un drive “combo” che ha CD-RW e lettore DVD. In mezzo abbiamo un iBook con CD-RW e uno con lettore DVD. Tutti gli iBook di fascia superiore a quello con semplice CD hanno anche 128 MB di Ram