PC, prezzi in discesa precipitosa

di |
logomacitynet696wide

Il mercato dei PC negli USA tiene, ma il prezzo medio si abbassa ai minimi di tutti i tempi in febbraio. OEM preoccupati per le ricadute sul bilancio.

Il mercato dei PC tiene, ma il prezzo medio delle macchine tocca il minimo storico. Questa la situazione rilevata da NPD Techworld negli USA. La società  di indagini di mercato disegna una situazione non positiva per le casse dei produttori di computer nel contesto della quale i consumatori puntano al prezzo più basso nella convinzione che anche una macchina entry level sia in grado di offrire ormai tutto quanto si ha bisogno.

In febbraio il costo medio di un desktop venduto nei negozi USA ha toccato i 717$ di media mentre i laptop si sono fermati a 1311$ di media. Nei mesi precedenti i costi medi erano rispettivamente di 800 e 1500$.

NPD attribuisce questa situazione all’offerta dei produttori stessi che riescono a presentare laptop dotati di masterizzatori, o addirittura combinati DVD/CD-RW con 256 MB di Ram e schermo da 15 pollici a costi al di sotto di 1000$. Per non parlare di desktop che, comprensivi delle offerte e delle promozioni, scendono facilmente al di sotto dei 700 e anche dei 600$ senza rinunciare a dotazioni di accessori e potenza del processore.

“I clienti che cercano un buon rapporto prezzo/prestazioni – dicono all’NPD – hanno vita facile di questi tempi”. Contestualmente chi vuole qualche cosa di più di quello che offrono i desktop e laptop compresi in questa fascia di prezzo preferisce aspettare che essi calino di prezzo invece che investire più denaro.

Secondo la società  di indagini le vendite dei desktop di fascia media (tra 800 e 1500$) sono letteralmente crollate in febbraio (-47% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), mentre quelli al di sotto degli 800$ sono cresciuti del 56,7% catturando ben il 72,9% del mercato globale americano.

Questa situazione getta preoccupazione sul futuro economico di molti OEM. Scegliendo macchine poco costose i consumatori non solo contribuiscono a determinare un fatturato inferiore, ma anche a portare meno profitti. Questo tipo di macchine, infatti non solo ha prezzi più bassi (e quindi percentuali di guadagno inferiori in termini assoluti), ma solitamente ha anche margini di profitto percentualmente più basse.