PPC 970, più vicino il rilascio?

di |
logomacitynet696wide

IBM avrebbe accelerato il rilascio del PPC 970. In commercio già  a fine maggio, in tempo per l’annuncio di nuovo hardware Apple a fine giugno. Un’ipotesi che si fa sempre più probabile. Ecco perché.

Le voci più ottimistiche parlavano del rilascio del PPC 970, il processore di nuova generazione di IBM dotato di compatibilità  PPC e a 64 bit, per la primavera. Le stesse voci fanno ora la loro ricomparsa su Macbidouille, secondo il quale la presentazione del chip sarebbe davvero imminente.

Il sito francese, che in passato ha colto qualche successo nel pronosticare indiscrezioni nel campo hardware, sostiene che gli ingeneri di Big Blue sono sul punto di mandare in produzione il processore sfornandone in quantità  sufficiente per la commercializzazione già  alla fine del mese di maggio.

Se la notizia fosse esatta diverrebbe per Apple davvero possibile annunciare nuovo hardware basato sul PPC 970 già  alla fine di giugno, in coincidenza con la WWDC, come fa notare lo stesso sito.

Al proposito, però, non si può non prendere nota delle osservazioni di chi sostiene come Apple non è usa a presentare macchine se non vengono (almeno formalmente) immesse sul mercato nello stesso momento del loro annuncio. Nel caso dei nuovi PowerMac con PPC 970 questo diviene difficile, o poco produttivo, per la mancanza di supporto a 64 bit nel sistema operativo. Si tratterebbe, infatti, di presentare una macchina che è sì in grado di funzionare con l’attuale OS (il PPC 970 fa girare anche applicazioni e OS a 32 bit) ma che non sfrutta pienamente le caratteristiche del processore. Panther, che secondo alcune indiscrezioni sarà  il primo OS a 64 bit di Apple, non sarà  pronto che a settembre.

Ema i vantaggi strategici del lancio di un hardware a 65 bit pur senza avere un OS “nativo” sarebbero in ogni caso molteplici.

Ad esempio Apple potrebbe continuare a rincorrere i PC in fatto di MHz, cosa che non appare più possibile con gli attuali processori Motorola, ormai giunti alla fine della corsa nella loro architettura attuale e di cui non si intravede alcun successore in tempi né brevi né medi. Il PPC 970, previsto al rilascio in tagli da 1,6 e 1.8 GHz, e poco dopo da oltre 2 GHz, consentirebbe di avere un vantaggio rilevante in fatto di marketing rispetto al Motorola da 1.4 GHz.

Non è neppure da sottovalutare il vantaggio pratico di poter offrire agli sviluppatori un hardware a 64 bit. Senza un hardware di riferimento, se davvero,la presentazione di un Panther a 64 bit risulterebbe un esercizio di stile poco pratico. Gli sviluppatori sarebbero infatti costretti ad attendere il rilascio delle macchine per cominciare beta testing approfondito di applicazioni a 64 bit, differendo di mesi l’efficacia della nuova strategia di Apple.