PPC 970, un mostro di velocità ?

di |
logomacitynet696wide

Su Internet compaiono i primi, anonimi, bench del PPC 970 che testimoniano di una velocità  oltre l’€™immaginabile. Ma sulla veridicità  dell’€™indiscrezione aleggiano pesanti dubbi.

Chissà  se sono veri o falsi: in ogni caso il sito francese dedito alle indiscrezioni Macbidouille ha pubblicato i primi benchmark relativi al famigerato “Messia”, ovvero, al probabile nuovo prossimo processore di Apple: il PPC 970

I primi bench sarebbero stati svolti a Marzo, usando un modello di preserie a 1,4Ghz, e una versione beta di Panther a 64 bit, mentre le applicazioni erano tutte le “vecchie” a 32 bit.

Una seconda batteria di test impiegava una configurazione che dovrebbe essere di serie: un biprocessore a 1,8 Ghz. I risultati mostrano un incremento medio di velocità  notevolissimo rispetto alle vecchie macchine che montano i G4, dovuto solo in parte al processore: un grosso aiuto arriverebbe infatti dalla motherboard ottimizzata per l’uso di memoria DDR-SDRAM.

Oltre alla velocità  pura (pare ci sia un miglioramento di circa il 50%), la notizia interessante sembrerebbe essere la perfetta compatibilità  con le applicazioni a 32 bit esistenti, compreso il sistema operativo.

Ma se relativamente ai vecchi, o meglio agli attuali, G4 il vantaggio sarebbe enormee, altrettanto si deve dire verifiando il confronto con i Pentium 3 GHz che vengono letteralmente surclassati.

Naturalmente, come detto, non esiste certezza sulla notizia, che potrebbe essere un clamoroso falso come sospetta qualcuno.

Tra i fattori che fanno propendere per la ‘€œbufala’€ il fatto che i bench dei Pentium e dei G4 sono in maniera se non altro curiosa del tutto identici a quelli postati qualche settimana fa da Bare Feat, un sito che utilizza quelle che si possono definire ‘€œsuite proprietarie’€, hardware e software, e che ben difficilmente possono essere replicate esattamente in altri laboratori.

Ovviamente potrebbe anche essere che chi ha eseguito i bench non avendo a disposizione altre macchine si sia limitato a ‘€œcopiare’€ i test di Bare Feat e poi ad aggiungere in calce dei test reali del PPC 970, ma il beneficio d’€™inventario è d’€™obbligo.