Palm: non venderemo

di |
logomacitynet696wide

Palm smentisce le voci di scalate al titolo azionario ma per ora la miglior protezione ad cambio di proprietà  sono le tasse imposte dal Governo Americano.

Palm smentisce la possibilità  di una scalata ai suoi titoli azioni da parte di altre società  che intenderebbero prendere il controllo del numero uno dei produttori di palmari al mondo. L’occasione è offerta da un incontro pubblico al quale ha partecipato Karl Yankowski. Il CEO di Palm, sollecitato al proposito, ha affermato che al momento “Nessuno si è fatto avanti e quindi non ho proprio nulla da dire al proposito”.Nei giorni scorsi molti analisti hanno affermato che la possibilità  di un acquisto dei titoli della società  di Santa Clara sono una prospettiva che potrebbe essere concretizzata da chiunque ha un minimo interesse strategico nel settore dei palmari, questo grazie al vero e proprio crollo del titolo Palm che è sceso a livelli davvero bassi. Tra le società  interessate, sempre secondo gli analisti, ci potrebbe essere anche Apple il cui CEO ha sempre avuto un debole per i palmari.In realtà  al momento appare piuttosto difficile una scalata alle azioni di Palm. La tassazione imposta nei primi due anni ad una società  che ha appena fatto il debutto in borsa dopo uno spin off come Palm scoraggia operazioni di questo tipo e la stessa società  ha posto alcune clausole particolarmente onerose per coloro che intendessero operare una scalata ostile.