Palm: profitti sopra le previsioni

di |
logomacitynet696wide

Palm è una mosca bianca a Wall Street. I produttori di computers da tasca battono le previsioni di profitto e promettono: il 2001 sarà un ottimo anno. Ma il mercato non se ne cura e la punisce.

Tra tante notizie cattive finalmente una buona per il mercato tecnologico. Palm ha battuto le previsioni di Wall Street in fatto di profitti e di vendite.
La società  di Santa Clara ha infatti dichiarato profitti per 27,5 milioni di dollari, ovvero 5 cents per azione contro i 4 cents per azione che erano nel consenso generale.
La società , annunciando ieri il suo bilancio per il trimestre, ha anche aggiunto che il futuro si presenta roseo. Per l’intero anno fiscale 2001 il fatturato dovrebbe infatti essere intorno ai 2 miliardi di dollari.
In tutto Palm ha venduto più di due milioni di palmari nel trimestre con un incremento del 45% rispetto allo scorso anno. Un ottimo risultato solo parzialmente offuscato dai problemi riscontrati nell’approvvigionamento di parti che hanno rallentato la produzione in particolare dei modelli Vx, VIIx e M100.
Le notizie sono invece meno buone dal settore dei margini che si sono ridotti al 36,1% contro il 38% del quarto precedente e che scenderanno ancora, per effetto della competizione e della diffusione di modelli più economici, nei prossimi quarti fiscali.
Nonstante questa bilancio tuttosommato positivo e nonostante Palm sia stata una delle pochissime società  a battere le previsioni, Wall Street ha accomunato anche i titoli dei produttori di palmari al bagno di sangue del tecnologico. Al termine della seduta il titolo Palm faceva segnare un eloquente -12%