Patteggiamento Microsoft, Apple si oppone

di |
logomacitynet696wide

Microsoft patteggia un accordo per sanare una vertenza giudiziaria per esercizio illegale del monopolio in California. Apple si oppone. ‘€œInvece che punire Redmond ‘€“ dicono da Cupertino ‘€“ l’€™accordo premia Microsoft’€

Apple dice no ad un accordo raggiunto tra Microsoft e un gruppo di utenti che avevano querelato la casa di Redmond, sulla scorta della condanna per esercizio illegale del monopolio.

L’€™esito del patteggiamento, che prevede da parte di Microsoft il pagamento di 1,1 miliardi di dollari in buoni acquisto di software a singoli clienti e studenti, secondo Apple, non punirebbe a sufficienza le pratiche illegalmente monopolistiche esercitate dai produttori di Windows.

Secondo Apple, in realtà , l’€™accordo sarebbe a beneficio di Microsoft perché, si sostiene in una dichiarazione ufficiale ‘€œè dimostrato che il 25% dei buoni non viene riscosso, il che riduce la penale per Microsoft e la restante parte va a beneficio di Microsoft stessa perché le donazioni alle scuole in realtà  espandono la quota di mercato nel settore educational’€. L’€™accordo prevede che solo un terzo dei buoni non riscossi possa essere destinato alle scuole per l’€™acquisto di materiale non Microsoft. Unn terzo tornerebbe direttamente in cassa e un altro terzo sarebbe destinato unicamente ad acquisto di prodotti Microsoft

Apple, di contro, richiede che Microsoft doni alle scuole tutti i buoni non reclamati dai clienti che avrebbero diritto al rimborso e che questo denaro possa essere utilizzato per acquisti di tecnologie informatiche a scelta delle stesse scuole.

E l’€™accordo fosse approvato nella forma proposta da Microsoft tutti coloro che hanno acquistato una copia di Windows 95 o 98 avrebbero diritto ad avere rimborsi per un valore variabile da 4 a 29 dollari a lenimento dei danni subiti dalle pratiche illegali esercitate da Microsoft per imporre il proprio sistema operativo.

Apple si era già  opposta, con successo, ad un simile patteggiamento avvenuto alla fine del 2001 nello stato del Maryland.