Per Apple i chip per ultraportatili di Intel?

di |
logomacitynet696wide

Secondo qualche sito dedito alle indiscrezioni Apple potrebbe presto adottare i nuovi processori per ultraportatili Silverthorne prodotti da Intel. Saranno i chip di una nuova generazione di macchine della Mela?

Apple abbraccerà  la strategia dei dispositivi ultraportatili di Intel usando i processori di nuova generazione Silverthorn. Questo quanto si apprende dal sito dedito alle indiscrezioni AppleInsider che dedica all’€™indiscrezione un lungo articolo.

Secondo AppleInsider Silverthorn, un chip a basso consumo ma con un rapporto tra dimensioni, assorbimento di corrente e prestazioni, molto favorevole, potrebbe finire in diversi dei prodotti Apple in arrivo nei prossimi mesi. L’€™adozione da parte di Cupertino di Silverton sarebbe favorita da Menlow, la piattaforma di riferimento pensata per il mondo degli Umpc, i computer ultraportatili, che oggi hanno avuto un successo molto limitato per la mancanza di processori adeguati proprio in termini di potenza nel rapporto alle prestazioni.

Silverthorn, secondo AppleInsider, farebbe fronte a tutto questo presentando una potenza di calcolo simile a quella di un Pentium M ma consumi di appena 2 watt. Menlow e il chipset Poulsbo farebbero il resto offrendo ad Apple la possibilità  di creare iPhone di seconda generazione, computer mobili leggerissimi e persino una sorta di erede del Newton.

In realtà  pare piuttosto azzardato pensare che Apple possa usare questa componente in un cellulare. Il consumo è tra quattro e dieci volte superiore a quello dei chip Samsung con tecnologia Arm usati oggi da iPhone e soprattutto, poiché non è compatibile proprio con la tecnologia Arm, costringerebbe Apple ad riscrivere interamente il sistema operativo e le applicazioni di iPhone.

Sembra invece stare in piedi la teoria di un uso di Silverthorn in computer ultraportatili e dispositivi di nuova generazione. Apple potrebbe usare il processore e soprattutto la piattaforma Menlow per aprire nuovi orizzonti al mondo degli Umpc, oggi chiaramente in crisi di idee e troppo annacquati sotto il profilo dell’€™innovazione. Un mini MacBook bastato su Silverthorn potrebbe rivoluzionare questo segmento e portare al rilascio a quella nuova generazione di computer da meno di un kg di peso e prestazioni al pari di un buon portatile di cui si vagheggia da mesi ma che non ha mai visto la luce.