Piccoli trucchi, usiamo la multiutenza con un solo utente

di |
logomacitynet696wide

Sfruttiamo al massimo le possibilità  di Mac Os X con un po’ di fantasia. Utenti multipli per tutti, anche per chi non condivide con nessuno il proprio Mac

Charles W. Moore, uno dei più autorevoli giornalisti americani del mondo Mac porta avanti da più di 500 numeri la sua OS X Odyssey, una serie di articoli dedicati alla transizione (oramai conclusa) del sistema operativo di Apple.

In uno degli ultimissimi numeri, Charles suggerisce un ingegnoso utilizzo della multiutenza del Mac. La possibilità  di utilizzare gli utenti, cioè le differenti identità  che si possono far assumere al sistema operativo per mantenere separati documenti e preferenze del sistema, può tornare comoda anche per chi utilizza in modo esclusivo il proprio Mac.

Grazie al “Fast User Switching”, il cambiamento di identità  veloce introdotto da Panther, che consente di tenere aperte documenti e applicazioni nell’altra identità , si aprono nuove e avvincenti prospettive.

Cosa meglio, infatti, della multiutenza per creare utenti legati a singoli, impegnativi progetti? Un ambiente per i giochi e il tempo libero, uno per il lavoro di scrittura di un lungo romanzo (con sfondi di scrivania, icone e documenti personalizzati), uno per la posta elettronica, uno per la dichiarazione dei redditi. Le possibilità , insomma, sono legate solo dalla fantasia di chi lo usa e dalle sue esigenze.