Pirati all’Aiport

di |
logomacitynet696wide

Airport, il sistema che Apple utilizza per la trasmissione senza fili, è vulnerabile all’attacco dei pirati che possono leggere i dati, modificarli e infilarsi nelle reti. Lo ha scoperto un gruppo di lavoro dell’università  di Berkely.

Con un po’ di pazienza di esperienza in fatto di reti e di hacking é possibile entrare abusivamente in una rete basata sul sistema 802.11b, lo stesso usato da Airport, prenderne possesso, scaricare files, leggere il traffico sulla rete, identificare e copiare tutto quanto viene comunicato tra le varie macchine in rete. A scoprire la debolezza nel sistema informatico che è alla base della rete wireless resa popolare da Cupertino sono stati alcuni esperti di sicurezza che lavora all’Università  di Berkely. Secondo il gruppo, di cui fanno parte studenti e docenti, sarebbe il “ventre molle” del sistema sarebbe il sistema di encriptazione dei dati, Wired Equivalent Privacy algorithm, o WEP.”Abbiamo trovato numerosi sistemi – ha detto Nikita Borisof, uno degli studenti impegnati nel progetto – di intercettare e decodificare il contenuto delle trasmissioni radio di 802.11b. Siamo anche stati in grado di modificare le trasmissioni e di entrare nelle reti benché l’accesso fosse ristretto solo a membri registrati”Secondo Ian Golberg, un esperto di sicurezza che ora lavora presso Knowledge Systems una canadese divenuto popolare nel 1995 per avere scoperto, quando era studente, un “baco” nella sicurezza di Netscape e per avere provato che è possibile decodificare le trasmissioni GSM, l’errore è di chi ha creduto che fosse possibile creare un sistema di trasmissione senza fili senza confrontarsi con la “cripto-comunità ” che avrebbe potuto dare consigli preziosi.Il sistema WEP, affermano gli esperti di sicurezza, é noto per non avere caratteristiche di sicurezza assoluta e il sistema con cui opera piuttosto noto. Di qui deriva la relativa facilità  con cui il sistema utilizzato da Airport può essere agganciato e scardinato dai pirati informatici.Nonostante, infatti, il modo con cui il WEP può essere decodificato non sia alla portata di tutti é possibile che qualcuno si dedichi alla creazione di uno script che mette alla portata di tutti il metodo per entrare abusivamente in una rete 802.11b. Poiché le reti wireless stanno per divenire uno dei business più interessanti a livello informatico e la loro diffusione sta per estendersi a tutti i livelli, compresi alcuni settori che trattano la trasmissione di dati sensibili e molto riservati, la preoccupazione intorno all’argomento appare piuttosto giustificata. In futuro un pirata potrebbe entrare in reti di transazione finanziaria oppure nelle comunicazioni tra i computer di aziende che elaborano bilanci. Il fatto che le reti Airport possano anche debuttare in luoghi pubblici come caffetterie, aereoporti e alberghi rende ancora più “appetitoso” e facile l’hacking di questo particolare sistema di trasmissione senza fili.IEEE intende introdurre in future revisioni del sistema 802.11b una nuova implementazione dei codici di sicurezza, ma fino ad allora il consiglio per chi crede di poter essere esposto a fenomeni di pirateria è quello di utilizzare sistemi aggiuntivi per l’encriptazione dei dati.