PlayStation portatile: ecco le foto e le caratteristiche

di |
logomacitynet696wide

Sony toglie parte dei veli sulla PSP e annuncia nel corso di una conferenza specifiche e il volto della PlaySation portatile: potenza e design.

Dopo le indiscrezioni le prime notizie ed immagini ufficiali. Sony sta togliendo lentamente i veli alla PSP, la PlayStation portatile che sta procedendo velocemente tra le varie tappe del suo sviluppo per debuttare alla fine del 2004.

Durante la conferenza Transform 60 il capo delal divisione giochi di Sony, Ken Kutaragi, ha illustrato molte delle caratteristiche della PSP ribadendo alcune i quelle già  note: processore principale da 0,09 micron elaborato su un MIPS R4000 da 32 bit, unità  di calcolo vettoriale del tipo usato da Intel (SSE2) e PPC (AltiVec), 8 MB di Ram integrata da 333 MHz con banda da 2,6 Gbps. Un secondo processore svolgerà  funzionalità  multimediali, questa volta con 2MB di Ram integrata e del tutto simile al processore principale, svolgerà  funzionalità  multimediali.

Anche i processori grafici saranno due. Uno si occuperà  specificatamente del 3D e di operazioni di calcolo complesse, un secondo della gestione del video. Le prestazioni della sezione grafica saranno di assoluto rispetto per un dispositivo da tasca: bus da 256 bit con 5,3 Gbps, 664 pixel al secondo a 24 bit con 33 milioni di poligoni al secondo. Lo schermo sarà  da 4.5 pollici con risoluzione 16:9 widescreen, per 480×272.

La sezione audio avrà  Dolby 7.1 multicanale con suono 3D, supporto di Mp3 e AAC (l’€™audio digitale di MPEG-4 e usato anche dall’€™iPod), supporto di video AVC (H.264) e MPEG-4.

Il sistema di memorizzazione denominato UMD (di fatto un DVD a doppio strato ma di dimensioni più piccole) sarà  in grado di archiviare fino a due ore di video in qualità  DVD e 4 in qualità  ‘€œstandard’€. Sarà  presente un meccanismo simile a quello delle zone dei DVD e della PS (un disco o un gioco acquistato in una zona non abilitata sulla PSP non potrà  essere letto) e un sistema di protezione dalla copia basato sull’€™encriptazione del contenuto e su un numero seriale unico per ciascun disco.

Non mancherà  il sistema WiFi (IEEE 802.11b) per il gioco in rete e la predisposizione per un modulo telefonico. Kutaragi ha anche detto che la PSP non sarà  un unico dispositivo ma una serie di dispositivi ciascuno dei quali si rivolgerà  ad una fascia ben precisa di pubblico.

A corredo della presentazione anche un’€™immagine di come apparirà  la PSP. Si tratta solo di una elaborazione realizzata al computer la qualità  del design appare davvero notevole.