PowerMac G4 e le applicazioni scientifiche: solo compilatori inefficienti?

di |
logomacitynet696wide

Un test indipendente dimostra che la mancanza di compilatori efficienti e limiti strutturali dei processori stanno tarpando le ali alla potenza dei G4 in campo scientifico.
Ma c’e’ anche una piccola piacevole sorpresa.

Apple sta puntando molto sullo sviluppo degli applicativi per Mac OS X nel campo scientifico, grazie alla facilita’ di porting di software nato su Unix ma senza un aiuto da Motorola non potra’ avvantaggiarsi delle capacita’ del RISC rispetto ai vecchi processori X86
Sono queste le conclusioni dei test SPEC 2000 – Standard Performance Evaluation Corporation: il PowerPC G4 di Motorola @ 1 GHz comparato con l’Intel Pentium @ 1 GHz risulta lungamente inferiore per applicazioni scientifiche anche se le capacità  di calcolo coi suoi 32 registri sono superiori al processore x86 che di registri ne ha solo 8.

E’ ovvio che test mirati possono far pendere la bilancia per l’uno o l’altro processore, ma per il test si sono utilizzati compilatori di medio livello che non puntassero a mostrare le capacita’ con una serie di benchmark ma con applicazioni reali per il campo scientifico.
Secondo l’autore dei test la spinta principale perche’ il processore G4 venga sfruttato al meglio potrebbe essere nella sviluppo da parte di Motorola, che possiede Metrowerk, di compilatori veramenti efficienti cosi’ come in un meglioramento delle prestazioni di Pro Fortran 7.0 for OS X di Absoft , anch’esso utilizzato per i test a confronto.

La piccola notizia positiva: nonostante una “piccola” differenza nominale di soli 133 MHz in più (+15,5%) tra il G4 @ 866 MHz e il G4 @ 1 GHz, i valori del nuovo processore sono decisamente importanti: un guadagno del 27% in fatto di prestazioni grazie anche all’efficienza della cache da 2 MB. Il che lascia ben sperare per i prossimi G5 che si spera essere equipaggiati con una unita’ Altivec a doppia precisione…

Per gli appassionati di numeri e test ecco il link al quale far riferimento.