Prezzi delle DRAM, forte ribasso

di |
logomacitynet696wide

I prezzi delle DRAM sono in forte calo. Nella seconda metà  di settembre prezzi giù del 18%. I produttori in forte difficoltà ; molti vedono a prezzi al di sotto del costo.

Prezzi in ribasso per le memorie DRAM. Il calo, rapido ed evidente (-18% tra le prime due e le seconde due settimane di settembre) viene segnalato da DRAMeXchange, una società  che tratta grandi quantità  di memorie e opera su Internet. Le informazioni che scaturiscono dal sito segnalano che il prezzo medio dei chip è calato da 1,75 a 1,44$ tra la prima metà  e la seconda metà  di settembre.

Il calo del prezzo è frutto del surplus di memorie da 1GB DDR sul mercato; secondo quanto si apprende da vari siti Internet i principali produttori al mondo avrebbero costruito impianti con un altissimo output coltivando la speranza che il lancio di Vista avrebbe spinto molta gente ad aggiornare i PC aumentando la Ram. I piani non sono andati nel verso previsto e ora nei canali ci sono enormi quantità  di memorie mentre le linee di produzione continuano a sfornarne di nuove; per liquidare le scorte non c’€™è altra soluzione che abbassare i costi che per buona parte dei protagonisti del settore sono già  sotto quelli di produzione. Attualmente solo Samsung riesce a spuntare qualche profitto nel settore.

Tutti i tentativi fatti fino ad oggi di aumentare il prezzo sono falliti e anche la riduzione della produzione, prevista per novembre, potrebbe essere inutile visto che in quel momento sarà  già  terminata l’€™ondata di ordini inoltrati dai produttori di PC che in questi giorni stanno già  lavorando per il Natale e che per allora cominceranno a ridurre il carico delle linee di assemblaggio, riducendo anche gli ordini di memorie DRAM.

Il calo del prezzo delle memorie è una importante novità  per chi si appresta ad acquistare un PC che può trovare macchine più dotato sotto questo profilo senza aggiungere costi extra. A loro volta i produttori di PC possono spuntare margini maggiori perché normalmente non passano interamente il risparmio che ottengono ai loro clienti.