Processori x86, 2002 con finale in crescendo

di |
logomacitynet696wide

I processori x86 hanno terminato l’€™anno con qualche sussulto di vita determinato dall’€™aumento dei volumi di vendita. AMD recupera nell’€™ultimo trimestre ma chiude in regresso su Intel

Il 2002 si è chiuso con qualche bagliore di ottimismo per il mondo dei semiconduttori per PC. In particolare i chip x86 hanno terminato lo scorso anno con un trimestre nel corso del quale hanno fatto segnare qualche progresso in fatto di vendite.

Lo si deduce dai dati diffusi nei giorni scorsi dalla società  di indagine specializzata IDC secondo cui il trimestre terminato a fine dicembre avrebbe fatto segnare un incremento rispetto alle previsioni, sia in fatto di unità  vendute che di fatturato.

Il report rivela anche che AMD è riuscita nel finale del trimestre a riconquistare terreno nei confronti di Intel, anche se la crescita percentuale (+2,7%) non è bastato a colmare lo svantaggio determinato dal ‘€“4,1% accumulato nel precedente trimestre. A fine anno AMD ha visto la sua quota di mercato fissarsi al 15,4%. La società  di Sunnyvale avrebbe avuto vantaggi dal lancio di processori di fascia alta e dalla riorganizzazione della sua catena distributiva

La parte del leone l’€™ha fatta, come ovvio, Intel che ha avuto una quota di mercato dell’€™83,3%. VIA e Transmeta, rispettivamente con l’€™1% e meno dell’€™1%, si suddividono le briciole del mercato x86.

Secondo IDC a fine anno il mondo dei processori per PC avrebbe terminato con un incremento in unità  vendute del 3% e con Intel saldamente al comando con l’€™82,5% del mercato (+3,6%) e AMD in calo del 4,3% e ferma al 16,3%.

Cattive notizie giungono dal settore dei prezzi, in costante calo per l’€™incremento della concorrenza.