Prototipo di Xserve RAID con dischi SATA

di |
logomacitynet696wide

Una unità  di pre-produzione sfugge dalla maglia di sicurezza Apple. Un sito di rumors pubblica le foto del prototipo Xserve in grado di ospitare dischi fissi SATA.

Inusuale e per alcuni versi clamoroso scivolone della sistema di sicurezza di Apple che lascia trapelare qualche immagine di un nuovo e non ancora rilasciato Xserve. L’aspetto della macchina, pubblicata da Appleinsider, suscita interesse per alcuni dettagli che potrebbero far pensare a novità  interessanti.

L’immagine mostra un server praticamente identico in tutto e per tutto agli Xserve attualmente in commercio, con una differenza: negli Xserve attuali i led che indicano l’attività  delle comunicazioni via fibra ottica son due, invece nell’unità  fotografata da Appleinsider i led sono sei. Ma per trovare le differenze più grandi si deve andare all’interno, qui si scopre che gli alloggiamenti per i dischi fissi montano tutti connessioni SATA. Da quanto si apprende nella pagine di Appleinsider, l’unità  non è stata provata a fondo da chi ci ha messo sopra le mani: giusto il tempo di carpire il numero seriale del firmware installato, ovviamente superiore a quello degli Xserve in circolazione. Così gli unici commenti su questa unità  di pre-produzione si limitano ai probabili benefici complessivi per il nuovo Xserve del passaggio al SATA: migliori prestazioni grazie alla maggior banda disponibile e consumi inferiori che si tradurranno in Xserve più efficienti e in grado di lavorare generando meno calore.

[A cura di L. M. Grandi]