Psystar contro Apple, in tribunale l’11 gennaio 2010

di |
logomacitynet696wide

Il giudice rivede le scadenze della battaglia legale Apple-Psystar: primo confronto in aula programmato per l’11 gennaio 2010: la fase istruttoria si conclude il 21 agosto, mentre i legali di Apple tengono sotto osservazione come Psystar o eventuali finanziatori occulti gestiscono i pagamenti per i debiti, in particolare le onerose spese legali del costruttore di Mac-cloni.

Il confronto in tribunale tra Apple e Psystar è fissato per l’11 gennaio del prossimo anno. A stabilirlo è stato il giudice Alsup che segue la vicenda legale.

L’incontro in tribunale tra Cupertino e la società  che produce cloni Mac non autorizzati, sarà  il passo finale di una lunga vicenda che ha avuto molti punti di svolta. L’ultimo è di alcuni giorni fa quando Apple ha richiesto e ottenuto la rimozione della sospensione per la causa in corso dal tribunale della Florida a seguito dell’avvio della procedura di amministrazione controllata. Da parte sua Psystar ha avanzato la richiesta di interrompere la gestione controllata sostenendo l’impossibilità  di gestire le due questioni contemporaneamente, decisione su cui il tribunale delle Florida deve ancora deliberare.

La prima scadenza stabilita dal giudice per la questione Apple-Psystar è il termine della fase istruttoria entro il 21 agosto. Entro l’8 di ottobre le due parti devono sottoporre qualsiasi istanza, mentre la conferenza precedente al confronto in aula è programmata per il 14 dicembre. Le due parti si confronteranno, come accennato, in tribunale l’11 gennaio del 2010.

Un avvocato esperto in casi di questo tipo ha dichiarato che essendo ancora in amministrazione controllata Psystar deve documentare qualsiasi pagamento a favore di Carr & Ferrel il prestigioso ufficio legale che rappresenta Psystar in tribunale e la cui onerosa parcella contribuisce in modo sostanziale ai debiti del costruttore di Mac-cloni. “Nessun pagamento può essere emesso a favore di Carr & Ferrell nella misura in cui quest’ultimo possa mettere a repentaglio gli altri creditori” ha dichiarato l’anonimo avvocato che ben conosce questo tipo di processi precisando inoltre che anche Apple come creditore ha diritto di conoscere la destinazione dei pagamenti effettuati da Psystar.

Per tutte queste ragioni è molto probabile che i legali che rappresentano Cupertino osserveranno molto da vicino le successive mosse di Psystar nel corso dei prossimi giorni e mesi. Secondo gli addetti ai lavori è poco probabile che uno studio legale come Carr & Ferrell decida di proseguire il supporto legale per Psystar in assenza dei pagamenti delle parcelle che, nel mese di giugno, ammontavano a 88mila dollari, circa il 34% dei debiti complessivi dovuti da Psystar. Se il costruttore di cloni non paga i propri avvocati e lo studio continua a seguire il caso, l’ipotesi di un finanziatore occulto che serpeggia da mesi, troverebbe allora una conferma praticamente definitiva.