RealPC per Mac OS X ad agosto

di |
logomacitynet696wide

La nuova versione di RealPC, completamente riscritta per il nuovo OS, sarà  disponibile dalla fine dell’€™esatate. ‘€œSarà  più veloce ed efficiente che mai’€, dicono alla FWB. Intanto Microsoft cerca di fare qualche sgambetto.

Ci si è messa anche Microsoft a rallentare lo sviluppo della nuova versione di RealPC. A confermare che la tabella di marcia per l’€™implementazione dell’€™emulatore in ambiente Mac OS X è stata modificata in seguito alla necessità  di andare incontro alle richieste della società  di Redmond è la stessa FWB.

‘€œC’€™erano da risolvere alcuni problemi con ikl marchio SoftWindows ‘€“ ha detto ad alcune testate americane Mark Prewitt -; Microsoft che ha i diritti sul nome ci ha mandato una lettera in cui ci chiedeva di sospenderne l’€™uso e il team che cura lo sviluppo ha dovuto sospendere il lavoro per una settimana per andare incontro a questa richiesta’€

RealPC e SoftWindows erano due prodotti associati ai tempi in cui venivano commercializzati da Insignia, e diversi riferimenti incrociati erano presenti sia nel software che nella documentazione. Di qui la necessità  di cancellare il nome, una richiesta che probabilmente ha molto a che fare con l’€™acquisizione da parte di Microsoft di VirtualPC, un concorrente diretto di RealPC.

E a proposito della concorrenza tra i due prodotti, Prewitt manifesta un certo ottimismo sulle possibilità  di affermazione di RealPC. L’€™applicazione, che è un emulatore ‘€œpuro’€ (senza quindi Windows integrato che va acquistato separatamente) è in corso di rimodellazione per presentare alcuni vantaggi competitivi nel rapporto con VirtualPC. Tra queste l’€™accesso diretto all’€™accelerazione hardware con un incremento sensibile nelle prestazioni. Addirittura FWB pensa che sarà  possibile persino far girare alcuni giochi Windows a velocità  accettabile.

Secondo quanto si apprende dallo sviluppatore questo ambizioso traguardo sarebbe reso possibile dal fatto che simili caratteristiche sono già  presenti in un emulatore Windows basato su Unix; la versione per Mac OS X di RealPC deriva proprio da una versione per Solaris e portare un applicazione da una versione di Unix ad un’€™altra è meno difficoltoso che riscrivere il codice da zero. Alcune difficoltà , ha spiegato però Prewitt, ci sono: ad esempio la prima versione non sarà  in grado di far girare Windows XP.

Secondo quanto si apprende dalle interviste, RealPC sarà  disponibile probabilmente a fine agosto con un programma di beta testing al via a luglio. Molte delle prospettive di successo e dei propositi di FWB potranno essere messi alla prova proprio allora.