Macitynet.it

Ricarica iPad, non tutte le porte USB sono uguali

di | 4/4/2010

Apple pubblica un documento di supporto nel quale si spiega come ricaricare l’iPad usando l’alimentatore incluso nella confezione o una porta USB e si scopre che non tutti i metodi sono uguali. Vecchi Mac e PC forniscono meno energia e l’iPad deve restare spento per essere ricaricato, i nuovi Mac ricaricano lentamente se si usa iPad. Solo con l’alimentatore da parete è possibile ricaricare velocemente ed usare iPad.

batteriaipad
La schermata di ricarica completa della batteria iPad

iPad, attenzione alla ricarica. Questo il monito che arriva direttamente da Apple con una nota tecnica apparsa nel corso delle ultime ore sul sito di supporto. La lettura del documento, per ora solo in inglese, è altamente consigliata perché il sistema con cui è possibile dare energia alle batterie del dispositivo non è del tutto scontato o, meglio, scontata è solo la modalità con cui si ricaricano le batterie (da una porta USB o dall’alimentatore incluso nella confezione), quello che si deve tenere presente è che non sempre quel che ricarica iPhone, iPod o altri dispositivi, ricarica anche iPad e se lo ricarica non lo fa alla stessa velocità, per via delle batterie interne che sono molto più capienti di quelle di altri dispositivi da tasca.

Apple nel documento di supporto spiega in maniera molto chiara che per ricaricare iPad si deve usare l’alimentatore da 10W integrato oppure una porta USB ad alta potenza. Non solo, però, i due sistemi non sono completamente alternativi, ma non tutte le porte sono ad alta potenza. Ad esempio, come hanno potuto verificare alcuni dei primi clienti di iPad, alcuni PC Windows non hanno porte di questo tipo, anche i Mac più datati sono privi di porte USB ad elevata potenza.

Che cosa si deve fare per avere la certezza di ricaricare l’iPad lo spiega ancora Apple: “Il modo più veloce – si legge nel documento di supporto – è usando l’adattatore incluso. L’iPad si ricarica anche se più lentamente quando è collegato ad una porta USB ad alte prestazioni (come quelle di molti computer Mac recenti) o con un adattatore iPhone. Quando viene collegato ad una porta USB standard (quella di molti PC o di Mac più vecchi) l’iPad si ricarica ma solo se è in modalità sleep”.

In sintesi: collegato all’alimentatore, iPad si può usare e ricaricare contemporaneamente; usando una porta ad alte prestazioni si ricarica anche utilizzandolo, ma lentamente. Collegato ad una porta standard non si carica se usato e si carica lentamente se in stand by. Il computer, aggiunge Apple, deve essere acceso e in funzione, in caso contrario l’iPad non si ricaricherà.

Apple aggiunge anche che se l’iPad è particolarmente scarico mostrerà una icona della batteria con una batteria con una tacca rossa e il segnale famigliare (per chi ha un iPhone) che indica che deve essere connesso alla rete.

Il sospetto che iPad avesse delle particolari modalità di ricarica erano sorte fin dalla serata di venerdì, quando iFixIt aveva scoperto che l’alimentatore di iPad era appunto ad alte prestazioni. Successivamente dopo il rilascio alcuni utenti PC si erano trovati nella condizione di non riuscire a ricaricare iPad usando la porta dei loro portatili, una situazione che si può ora spiegare con quanto precisato da Apple.