Rifiuti dell’elettronica, una tassa europea?

di |
logomacitynet696wide

In futuro l’Europa potrebbe essere sommersa da milioni di tonnellate di “spazzatura” elettronica. La UE pensa ad una tassa per lo smaltimento.

Sei milioni di tonnellate, a tanto arriverà  il peso delle apparecchiature elettriche obsolete che finiranno in discarica in Europa nel giro di pochi anni.

La sfida dell’UE è di impedire che almeno tre quarti di questi apparecchi siano dismessi e ridotti ad immondizia, facilitandono invece il recupero differenziato. Una sfida importante e che avrà  un costo molto elevato: 7 miliardi e mezzo di euro ogni anno.

La UE sta pianificando, per evitare che questo costo gravi sulle spalle dei cittadini, un sistema di tassazione ad hoc che però potrebbe ricadere sulle spalle degli acquirenti determinando un aggravio molto elevato sul listino finale: tra il 20% (per i grandi elettrodomestici) e il 50% (per oggetti piccoli

La proposta europea (168 KB) deve essere ancora approvata dagli stati membri perché sia applicabile localmente, ma molte società  del comparto elettronico hanno già  avanzato la loro preoccupazione per questa prospettiva. Anche Apple ha già  esplicitamente dichiarato di avere messo sotto osservazione la situazione.