Rim ha le armi per sfidare Apple

di |
logomacitynet696wide

Il lancio di una nuova gamma di prodotti di nuova generazione e il successo d’immagine generato dal lancio dello Storm, secondo una società di analisi americana, hanno dato a Rim le armi per sfidare Apple. Ora tocca alla società canadese non deludere i suoi clienti.

“Tiepida”. Questa la definizione data all’accoglienza dello Storm da parte dei clienti americani così come essa viene elaborata da ChangeWave Research. L’occasione per svolgere alcune considerazioni sul livello di gradimento che il telefono di Rim avrebbe avuto è la ricerca periodica che la società  di analisi di mercato svolge sul mercato della telefonia cellulare.

La prova concreta del gradimento non al top per il telefono concorrente di iPhone è nelle percentuali di soddisfazione. Chi si dichiara “molto soddisfatto” è solo il 33%. Il numero è basso non solo se confrontato con la percentuale “bulgara” di coloro che avevano adottato iPhone (77% di “molto soddisfatti”), ma anche i rapporto ai risultati messi insieme dai precedenti telefoni di Rim. I principali difetti dello Storm sarebbero nella mancanza di una tastiera fisica, il touch screen non efficiente, la difficoltà  di utilizzo e la ridotta durata della batteria. I problemi secondo ChangWave non sono preoccupanti, soprattutto perché buona parte di essi è aggirabile con aggiornamenti software; secondo la società  di analisi, in pratica, Rim avrebbe lanciato lo Storm prima del tempo per fare fronte alla concorrenza di iPhone e questo avrebbe dato luogo ai bug.

Se però si sposta lo sguardo più avanti Rim sembra essere ben posizionata. Tra coloro che sono intenzionati a comprare uno smartphone nei prossimi 90 giorni la società  Canadese viene al primo posto nel 39%, il 9% in più della precedente indagine. Le intenzioni di acquisto di iPhone calano e per la prima volta da marzo scendono sotto quelle di chi intende comprare Rim: 30%. Resta da vedere, dice ChangeWave, se Rim riuscirà  a fare fronte con prodotti all’altezza delle buone intenzioni di clienti che tornano a preferirla, in prospettiva, dopo un periodo di innamoramento di iPhone. Comunque sia, dice ChangeWave, i produttori di Blackberry sembrano essere perfettamente in grado di sfidare Apple nel corso del 2009 un anno nel corso del quale, almeno negli Usa, la corsa nel campo degli smarphone sarà  una corsa a due. Palm, il terzo contendente con solo l’1% degli interessati all’acquisto, corre il rischio di sparire dal radar.