Rubava elettricità  per “nutrire” l’iBook: assolto

di |
logomacitynet696wide

Utenti nomadi di PowerBook e iBook, attenti a dove mettete la spina. Un ragazzo tedesco di 23 anni che era stato arrestato e poi accusato di furto di elettricità  in una stazione tedesca perché aveva collegato il suo iBook a una presa della corrente senza chiedere il permesso, è stato stato assolto. Ma non si tratta di un caso isolato.

Jan Michael Ihl era stato accusato dalla polizia di Kassel del furto di corrente elettrica per una cifra stimata di 0,02 centesimi di euro (un cinquantesimo di centesimo) perché aveva attaccato il l’alimentatore del suo iBook a una presa di corrente della stazione ferroviaria del paese.

La polizia federale aveva accusato del furto il ragazzo, attivista itinerante di Greenpeace, probabilmente anche per via del contesto nel quale si stava svolgendo la sottrazione di energia elettrica, e lo aveva arrestato in flagranza di reato.

Non è tuttavia il primo caso di arresti per furto di corrente elettrica. Sempre l’anno scorso due uomini sono stati fermati e arrestati in Giappone: il primo è un signore di 48 anni che, per ricaricare il telefonino, aveva staccato l’insegna commerciale al neon di un negozio all’interno di un centro commerciale, mentre il secondo era uno studente di 22 anni che aveva staccato un distributore di bibite per attaccare il suo stereo. In entrambi i casi la stima della corrente rubata si aggira su 0,0094 dollari.