Sakoman lascia Palm

di |
logomacitynet696wide

Steve Sakoman, uno dei padri di BeOs ma anche tra gli ideatori del progetto Newton di Apple, licenziato da PalmSource. Curava l’integrazione delle tecnologie di Be nel sistema operativo di Santa Clara.

C’è anche la testa di Steven Sakoman tra le teste cadute nel processo di “alleggerimento” del personale messo in atto da Palm. Secondo quanto riportato ieri da The Register, Sakoman ha infatti lasciato da qualche giorno il suo posto di maggior responsabile dello sviluppo software di PalmSource, la sussidiaria che si occupa di produrre sistemi operativi e applicativi per Palm.

La partenza di Sakoman è una notizia di rilievo per il mondo Palm. Si tratta, infatti, non solo di una delle figure di maggior prestigio per Palm, ma anche di uno dei protagonisti dell’evoluzione dei sistemi operativi degli ultimi anni.

Prima di arrivare Palm Sakoman era stato una delle figure più in vista di Apple nella seconda metà  degli anni ’80. Qui aveva ricoperto l’incarico di responsabile dello sviluppo hardware dell’Apple II e del Macintosh. Soprattutto fu uno dei “padri” di Newton.

Successivamente, lasciata Apple, Sakoman fondò, in collaborazione con Gasse, Be di cui fu Chief Operating Officer e consigliere di amministrazione.

Quando gli assetti di Be vennero venduti a Palm passò ad incarichi di responsabilità  proprio in seno a Palm dove aveva l’incarico di integrare le tecnologie del defunto sistema operativo, in versione per palmari, con il PalmOs.

PalmSource ha recentemente licenziato il 20% del suo staff in un processo di ristrutturazione volto alla riduzione dei costi.