Schede di memoria, il nuovo avanza

di |
logomacitynet696wide

Nel campo delle schede di memoria, usate in macchine fotografiche e altri gadget digitali, i vecchi formati perdono terreno incalzati dai nuovi standard. In grande crescita le Secure Digital.

CompactFlash e SmartMedia perdono terreno. A denunciarne il regresso sul mercato é NPD Group.

Secondo la società  d’indagine gli ultimi dati che si riferiscono al 2002 segnano un regresso della percentuale d’uso dei due, fino ad oggi, principali e più vecchi formati per la memorizzazione dati, a favore di Secure Digital, passato in un anno dal 10,8 al 22,9% del mercato.

A favorire l’incremento della diffusione del formare SD ci sono diversi fattori. Il primo è la diminuzione dei costi per MB, il secondo le sue dimensioni.

Interessanti sono anche i dati inerenti il nuovo formate xD-Picture, uno degli ultimi arrivati nell’arena delle flash card. Nonostante la capienza non ai livelli degli standard più vecchi e la sua gioventù è già  arrivato al 5,7% del mercato (contro il 2,2 del 2001).

Di contro il formato Compact Flash è sceso dal 34,1 al 26,6 e le SmartMedia al 15,6 dal 22,4%.

In calo è anche il formato Memory Stick, inventato ed utilizzato eminentemente da Sony. Ma secondo NPD il regresso di questo standard è solo temporaneo in quanto nel corso del 2003 dovrebbero comparire nuovi dispositivi prodotti dal colosso coreano Samsung che utilizzeranno proprio le Memory Stick. Senza dimenticare che nel corso dell’anno che stiamo vivendo dovrebbero affermarsi sia le versioni “Pro” (che porteranno molto più in alto la capienza pur senza essere compatibili con le precedenti) che le versione a doppia faccia che portano a 256 MB la quantità  di dati archiviabili.