Secondo iPhone smarrito, la polizia di San Francisco non ne sa nulla

di |
logomacitynet696wide

La polizia di San Francisco nega di essere intervenuta per fare verifiche su un prototipo di iPhone smarrito per la seconda volta in un bar in California. Nessun riscontro di denuncia nè di perquisizione. Il caso sembra sempre più improbabile.

La polizia di San Francisco non sa nulla dell’iPhone perso al ristorante Cava22. Questo quello che avrebbe scoperto SF Weekly, un settimanale della città della baia, che parla dell’episodio nel suo blog.

Secondo quanto si apprende dall’articolo le forze dell’ordine non avrebbero alcuna denuncia dello smarrimento del telefono, nessuno avrebbe contatto i loro uffici nei giorni scorsi e non ci sarebbe stata alcuna operazione connessa ad un fatto di questo tipo.  Ma c’è di più: la stessa cosa sarebbe stata detta anche al reporter di C/Net che per primo ha dato la notizia: «Non so chi sia la loro fonte – dice l’agente Albie Esparza riferendosi alla vicenda giornalistica – ma noi non abbiamo alcun fascicolo su questo caso. L’ho detto anche a loro quando ci hanno contattato per la stessa ragione». Né la stazione della polizia di Mission o quella di Ingleside  (il locale si trova nella giurisdizione di Mission, Bernal Heights dove si sarebbe svolta la perquisizione in quella di Ingleside ) sono state interessate da un episodio simile a quello descritto e non esistono tracce di perquisizioni effettuate con il supporto della polizia all’indirizzo dove, secondo le fonti citate da C/Net sarebbe stato interrogata la persona che avrebbe ritrovato il telefono.

Anche due altri agenti Michael Andraychak e Troy Dangerfield, avrebbero riferito a PC Magazine che non esiste nulla che possa far pensare ad uno smarrimento di un telefono. L’agente Dangerfield si sarebbe anche messo in contatto con il dipartimento sicurezza di Apple per avere delle notizie più precise ma dopo 30 minuti di chiamata non avrebbe ricavato alcuna informazione utile. «Ci hanno girato intorno ma non è uscito alcune nome – dice l’investigatore – neppure quello della persona che avrebbe perso il telefono. Abbiamo bisogno di qualche riferimento per cominciare un’indagine, ad iniziare dal nome della presunta vittima».

La testimonianza della polizia sul caso del nuovo e (molto presunto) smarrimento di un telefono in un locale da parte di dipendenti Apple, è fondamentale almeno nella ricostruzione fatta da C/Net. Le forze dell’ordine sarebbero infatti state contattate da Apple e avrebbero accompagnato i responsabili della Mela presso la casa di un personaggio non identificato (si sa solo che si tratterebbe di un “giovane”) che ha poi negato di avere il telefono.

La vicenda, che già ieri non sembrava avere basi molto solide con alcuni siti che ipotizzavano che fossimo di fronte ad un tentativo di fare marketing oppure ad una speculazione giornalistica con una storia inventata o, infine, ad una burla cui C/Net aveva abboccato, a questo punto diventa ancora meno credibile. C/Net resta l’unica fonte a riferire di avere avuto le informazioni «da persone che erano nella posizione di sapere», nessun altra testata pare essere stata in grado di avere non solo notizie in più, ma neppure la conferma che Apple abbia perso un telefono in un bar per il secondo anno consecutivo.  Cupertino da parte sua ha precisato ai giornalisti di non avere nulla da dire in proposito.