Segretezza non così segreta

di |
logomacitynet696wide

Apple, prima della presentazione di iPod ha messo in atto tutte le sue contromisure “anti gole profonde” facendo in modo che il minor numero di persone sapesse del riproduttore MP3. Ma qualche cosa non ha funzionato al 100%. Il nome ad esempio era noto da venerdì e tra chi lo aveva segnalato un giornale italiano.

Apple ha tenuto sotto stretta sorveglianza iPod fino al momento in cui esso è comparso nelle mani di Jobs. Nessuno ne sapeva niente, neppure i dipendenti di Apple che hanno avuto, secondo alcune fonti, un briefing solo nella giornata di lunedì quando “il coso” è stato rivelato anche a loro.
Ma la proverbiale segretezza di Cupertino questa volta ha mostrato qualche falla. Se infatti le caratteristiche definitive non erano note da qualche parte qualcuno si è lasciato scappare che si trattava di un riproduttore MP3, dettaglio comparso su tutti i siti Mac del mondo. Addirittura, e questo è meno noto, anche il nome era comparso su altre pagine di Internet. Il giornale specializzato in musica Hit Daily Double aveva indicato per primo proprio come iPod il dispositivo fin dallo scorso venerdì. Un dettaglio che non era sfuggito ai più ma che in qualche settore aveva suscitato grasse risate ritenendolo una mera invenzione.
Tra chi ci aveva invece creduto c’era un giornale italiano, “Leggo”, distribuito gratuitamente alle stazioni della metropolitana di Milano. Nella rubrica “Web e TV” veniva descritto il “dispositivo” e gli si assegnava il nome corretto, iPod appunto, già  da lunedì, 24 ore prima della sua presentazione probabilmente attingendo ad un articolo di Wired che aveva riportato i dettagli sul nome e sul prodotto.
Una scansione del giornale è stata postata sul nostro forum