Semiconduttori, mercato a precipizio nel 2001

di |
logomacitynet696wide

Il mercato dei chip ha accusato un calo storico nel corso del 2001: diminuite di un terzo le vendite. A galla solo coloro che hanno sviluppato nuove tecnologie

Trenta per cento. Tanto sarebbe calato nel corso del 2001 il mercato dei semiconduttori.
La discesa di quasi un terzo nelle vendite dei processori è stata stimata da una indagine svolta nei giorni scorsi da Dataquest che ha individuato, come ovvio, nel crollo del mercato dei PC il principale responsabile della diminuzione del venduto.
La fabbricazione dei wafer ha determinato nel corso del 2001 un fatturato di 23,3 miliardi di dollari contro i 33,1 miliardi di dollari del 2000.
Secondo Dataquest le uniche società  che sono riuscite a limitare i danni sono state quelle che hanno sviluppato novità  in campo tecnologico, come la circuiteria in rame e nuovi sistemi per l’incisione dei circuiti.
Al primo posto nel fatturato dei semiconduttori si trova Applied Materials, la giapponese Electron seguita da KLA-Tencor (quest’ultima una delle poche che ha aumentato il fatturato). Canon è stata invece l’unica società  a migliorare la sua posizione passando dall’ottavo al sesto posto.